rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca Paternò

Santa Barbara a Paternò, audizione commissione antimafia dopo l'inchino al boss

Si è tenuta a porte chiuse. "Rimangono ancora tanti punti oscuri circa la regia del simbolico gesto" ha spiegato il presidente Nello Musumeci

Si sono tenute a porte chiuse le audizioni dell'Antimafia regionale sul doppio "inchino", il 2 dicembre del 2015, a Paternò, durante i festeggiamenti di Santa Barbara, davanti la casa di un noto esponente del clan Santapaola.

IL VIDEO DEL DOPPIO INCHINO

A 'omaggiare' il boss sarebbero stati due cerei in processione che erano in processione per i festeggiamenti. Sentiti, nel corso dell'audizione, anche politici e amministratori.

"Dalle audizioni - spiega il presidente Nello Musumeci - sono emersi elementi utili a delineare un contesto non certo roseo della realtà paternese, travagliata anche da un diffuso fenomeno di estorsioni ed usura".

"Appare però incoraggiante la capacità reattiva della città, - aggiunge Musumeci - manifestata soprattutto in occasione del vergognoso 'inchino' del cereo dei dipendenti comunali". "Un episodio singolo ma significativo ed allarmante, sul quale, tuttavia - conclude il presidente dell'Antimafia dell'Ars - rimangono ancora tanti punti oscuri circa la regia del simbolico gesto, specie di fronte ai tanti "non ho visto, non saprei, non ho idea" raccolti oggi dalla Commissione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Santa Barbara a Paternò, audizione commissione antimafia dopo l'inchino al boss

CataniaToday è in caricamento