Open Arms rifiuta attracco a Catania: "In Spagna non ci insultano"

"Dalla Spagna - ha detto il comandante della ong- non riceviamo insulti o attacchi, non ci chiamano scafisti, nessuno mette in cattiva luce quello che stiamo facendo"

"Ci hanno assegnato Catania, guarda caso la città dove hanno aperto l'indagine contro le ong". Lo ha detto Riccardo Gatti, capitano della Open Arms, intervistato da 'Sky Tg24', tornando sui motivi che li hanno spinti a scegliere la Spagna piuttosto che l'Italia nonostante l'apertura per il porto di Catania. "Andiamo in Spagna perche li è diverso l'atteggiamento del governo" ha aggiunto Gatti. "Dalla Spagna non riceviamo insulti o attacchi, non ci chiamano scafisti, nessuno mette in cattiva luce quello che stiamo facendo, omettendo tutto cio' che sta succedendo. Ai cittadini le cose sono presentate in modo veritiero".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento