Sbarco migranti, svolta nelle indagini: fermato un presunto scafista

L'uomo, un cittadino del Gambia, è stato fermato dalla squadra mobile della Questura di Catania ed è accusato di essere stato alla guida di un gommone dove si trovava il migrante deceduto durante il viaggio in mare durato ben 2 giorni

Dopo lo sbarco al Porto di Catania dei 300 migranti, avvenuto la notte scorsa, ecco la prima svolta nelle indagini operate dalla squadra mobile della Questura etnea. Un cittadino del Gambia è infatti ritenuto lo scafista di una delle tre imbarcazioni soccorse dalla petroliera "Nord Farer" nel Mar Mediterrano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'uomo è stato fermato dalla squadra mobile della Questura di Catania ed è accusato di essere stato alla guida di un gommone dove si trovava il migrante deceduto durante il viaggio in mare durato ben 2 giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento