menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scaraventa un vecchio televisore in testa al commerciante per rapinarlo: arrestato

I carabinieri hanno arrestato il 32enne tunisino Bigel Rafari: l’uomo, irregolare sul territorio italiano, è entrato nel Mini Market per rubare generi alimentari

I carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale hanno arrestato il 32enne tunisino Bigel Rafari, poiché ritenuto responsabile di rapina. L’uomo, irregolare sul territorio italiano, è entrato nel Mini Market ubicato in via Marchese di Casalotto, all’interno del quale, incurante della presenza del proprietario, un senegalese di 60 anni, voleva a tutti i costi impossessarsi di generi alimentari senza pagarli. Alle rimostranze espresse legittimamente dall’esercente che lo ha invitatato a lasciare l’esercizio commerciale, l'uomo per tutta risposta è uscito fuori, ha preso un vecchio televisore abbandonato in strada, per poi tornare indietro e scaraventarlo contro il poveretto che è stato colpito alla testa.

In quella circostanza, pur vedendo la vittima perdere copiosamente sangue dal capo, si è impossessato di diversi generi alimentari ed è fuggito via. La richiesta d’aiuto pervenuta al 112, ha consentito l’intervento sul posto di due pattuglie del radiomobile, le quali, acquisita la testimonianza del commerciante, nel frattempo soccorso da una ambulanza del 118, si sono messe alla ricerca del rapinatore, rintracciato poi nei pressi della Stazione ferroviaria in piazza Giovanni XXIII. L’uomo, alla vista dei carabinieri, è fuggito dentro lo scalo ferroviario dove non ha esitato ad attraversare i binari mettendo in pericolo la propria incolumità e quella dei carabinieri che, comunque, sono riusciti a bloccarlo ed ammanettarlo. I militari, oltre a recuperare la merce rubata all’interno del mini market, hanno verificato come l’uomo detenesse all’interno di un borsello oltre 1.300 euro (denaro non rubato all’interno dell’esercizio commerciale, per cui si sta cercando di comprenderne la provenienza). L’arrestato, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Termini Imerese (PA).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bustine di gel di silice - Ecco a cosa servono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento