Cronaca Adrano

Scarcerato per rischio covid-19, riunisce gli 'amici' a casa

L’uomo è ritenuto essere appartenente al gruppo mafioso “Santangelo-Taccuni”, attivo nel comune di Adrano

I carabinieri di Adrano, il 34enne Salvatore Crimi, del posto, in esecuzione di un ordine di aggravamento emesso dalla Corte di Appello di Catania. L’uomo, ritenuto essere appartenente al gruppo mafioso “Santangelo-Taccuni” attivo nel comune di Adrano e considerato articolazione della famiglia catanese “Santapaola-Ercolano”, era stato scarcerato per motivi di salute e sottoposto alla detenzione domiciliare in ottemperanza delle disposizioni in materia di detenzione negli istituti penitenziari conseguenti all’epidemia da coronavirus. Il Crimi però, in occasione di un controllo effettuato presso la sua abitazione il 13 maggio scorso, è stato trovato in compagnia di persone non facenti parte del suo nucleo familiare. Da questa circostanza scaturisce l’adozione del provvedimento che lo riporta nel carcere di Bicocca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scarcerato per rischio covid-19, riunisce gli 'amici' a casa

CataniaToday è in caricamento