Scioglimento Misterbianco, Marano e Cantone (M5S): "Onta per la città"

"A pagare questa ignominia saranno i cittadini, i quali anche in termini pratici non hanno alcuna colpa", dicono i pentastellati

La deputata regionale Jose Marano e il parlamentare Luciano Cantone, del Movimento Cinque Stelle, sono intervenuti a seguito dello scioglimento del consiglio comunale di Misterbianco disposto dal Consiglio dei Ministri.

"Lo scioglimento per mafia del consiglio comunale  - ha detto Marano - rappresenta un'onta per la comunità e un marchio infamante per la città. A pagare questa ignominia saranno i cittadini, i quali anche in termini pratici non hanno alcuna colpa. Adesso però è il momento di stare accanto alla Misterbianco onesta e pulita che vuole cambiare e dimenticare la cattiva politica che ha condotto a questo epilogo tetro. Ringrazio i nostri portavoce al consiglio comunale per il lavoro fin qui svolto, per il loro apporto e per la loro battaglia per la trasparenza. Ora più che mai serve riportare la legalità all'interno del Comune: lo si deve a tutti i cittadini".

“Adesso è arrivato il momento per i cittadini di Misterbianco – ha aggiunto Cantone -  di pensare al futuro e serve un impegno da parte di tutta la comunità per dare una direzione chiara al nostro comune. Sono stati mesi intensi, ma ora inizierà un periodo ancora più importante, Misterbianco dovrà rialzarsi ed andare avanti, con forza e determinazione. Quando succedono questi eventi a pagarne le tristi conseguenze sono i cittadini ma sono gli stessi cittadini che a testa alta devono riprendere in mano il loro paese. Io e la mia collega Jose Marano lavoreremo senza sosta per questa grande comunità”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento