Sciopero: Vizzini in rivolta, grande adesione alla protesta

Vizzini, Licodia eubea, Grammichele, Caltagirone sono in rivolta. Già diversi paesi della provincia non hanno più nulla, non si sta vendendo e i commercianti si lamentano

Le cinque giornate della Sicilia - che potrebbero non rimaner tali,stando alle ultime notizie - hanno certamente sollevato punti di domanda, innescando discussioni che interessano l’intera collettività. Anche nei piccoli centri della provincia catanese, ci si sta mobilitando, "perché quel che conta, più di tutto, è manifestare dissenso e parlare 'a voce alta'". Vizzini, Licodia eubea, Grammichele, Caltagirone sono in rivolta.

Interi scaffali dei supermercati sono vuoti: mancano acqua, latte, pasta, i beni di prima necessità. “Non ci sta arrivando la merce, se ne parla forse sabato, ma è pur vero che si potrà tirare avanti solo per qualche altro giorno, dato che stanno finendo le scorte”, dichiara il cassiere di un supermercato. E in merito alla protesta,aggiunge: “E’ assurdo che metà dello stipendio di un normalissimo lavoratore vada speso solo per la benzina e per il resto? Bollette, mutuo, figli a scuola, come si deve arrivare alla fine del mese? Dovremmo essere tutti a scioperare, a creare disagio, anche se molti se ne infischiano e continuano a far finta di niente!”.

Riscatto, Rivoluzione,Governo Ladro” tra gli slogan più diffusi e tanto materiale ( foto, video, manifesti, gruppi nei social networks) che invadono il web. E anche forme, più o meno celate, di malumore o comunque di perplessità, cominciano a diffondersi tra la gente.

“Già diversi paesi della provincia- commenta un pensionato- non hanno più nulla, non si sta vendendo e i commercianti si lamentano. Stanno creando un sacco di problemi, neanche le medicine arrivano a destinazione. E poi se ne parla pochissimo in tv: la verità è che loro cercano sempre e solo di speculare sulla povera gente”.

C.T. 45 anni, casalinga- disoccupata dalla scorsa estate - sostiene che non cambierà nulla. “I tabacchini sono ancora aperti, se volessimo fare guerra allo Stato, dovremmo iniziare a non giocar più al superenalotto, alle varie lotterie o scommesse. Al Governo interessa che noi paghiamo e che ci facciamo la guerra, ci vogliono ignoranti!”

C’è chi invece fa un’analisi diversa, ammettendo che parte della responsabilità è degli stessi cittadini. “Vedo molta ipocrisia, sento parlare di rivoluzione o di pazienza finita, ma dimentichiamo tutti quelli che non hanno voluto lavorare, non perché non ci fosse lavoro, ma perché il salvagente -esempio la forestale-  era sempre pronto? Oppure tutti quelli che hanno evaso le tasse-e da molto prima che iniziasse la crisi- gente che ha truffato assicurazioni, enti comunitari, statali e parastatali per il proprio tornaconto. Gente che non ha  perso occasione per andare a bussare al politico di turno e chiedere favori per sè e non per la comunità. Bisogna innanzitutto rivoluzionare le nostre menti, il modo di comportarci, smettere quindi di giocare ai sessantottini o ai rivoluzionari,ed esser invece più responsabili e onesti”, questo lo sfogo di Gregorio Cannizzaro, 27 anni, imprenditore siciliano, che lavora ormai da diversi anni a Milano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...





 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparatoria in viale Grimaldi, coinvolte almeno sei persone: due i morti

  • Sparatoria in viale Grimaldi, si scava nel mondo della droga per cercare il movente

  • Coronavirus, Musumeci firma nuova ordinanza: cosa cambia adesso in Sicilia

  • Sangue in Corso Sicilia: accoltellato un uomo, residenti esasperati

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Incidente mortale a Trecastagni, perde la vita un minorenne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento