Cobas di nuovo in Prefettura con gli ex dipendenti della formazione professionale

Di nuovo in piazza i dipendenti -divenuti ormai ex- della formazione professionale catanese, si sono ritrovati stamane in Prefettura durante un sit in di protesta organizzato dai Cobas Pubblico Impiego per chiedere garanzie sul proseguimento della loro attività

Di nuovo in piazza i dipendenti -divenuti ormai ex- della formazione professionale catanese, si sono ritrovati stamane in Prefettura durante un sit in di protesta organizzato dai Cobas Pubblico Impiego per chiedere garanzie sul proseguimento della loro attività. Circa 940 degli oltre 3600 licenziati hanno avute attivate le procedure di mobilità, mentre per circa 610 sono stati richiesti i contratti di solidarietà ed 890 ex sportellisti sono stati sospesi dopo l'esperienza del fondo di Garanzia Giovani in attesa dell'approvazione di nuovi progetti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tra i tanti precari finiti nel limbo ci sono ad esempio i lavoratori dell'Anfe di Catania, coinvolto nell'inchiesta 'Pandora' - spiega la coordinatrice provinciale Laura Bonifacio - che si sono costituiti parte civile nel processo e parteciperanno all'udienza del prossimo 4 novembre. Chiediamo che vengano riconosciute le nove assunzioni del personale licenziato per poter prcocedere al ricollocamento di coloro che sono in mobilità e che sia riconosciuto quanto previsto dalla circolare 10, i cui criteri di assegnazione sono stati disattesi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento