menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sciopero del lavoro pubblico, presidio Cisl davanti alla Prefettura

I lavoratori del pubblico impiego, sanità, scuola, università, ricerca, sicurezza rivendicano il rinnovo del contratto, fermo da sei anni. La mobilitazione della Cisl continua anche il 2, 3 e 4 dicembre per la riforma del lavoro e la legge di stabilità

Oggi 1 dicembre si svolgerà lo sciopero dei dipendenti pubblici indetto dalla Cisl per il rinnovo del contratto bloccato da sei anni. Presidi con i lavoratori degli enti locali, dei ministeri, della sanità, della ricerca, della sicurezza, della scuola e dell’università si terranno in tutte le piazze d’Italia: a Catania, l’appuntamento è fissato per le 9.30 davanti alla sede della Prefettura.

La mobilitazione della Cisl continuerà, con lo slogan “Per il lavoro per il sociale”, martedì 2, mercoledì 3 e giovedì 4 dicembre con le manifestazioni che si terranno rispettivamente a Firenze, Napoli e Milano sulla riforma del lavoro (Jobs Act) e sulla legge di stabilità. I delegati Cisl delle regioni del Sud si riuniranno per manifestare a Napoli.

A Catania, la mobilitazione continuerà con riunioni e assemblee nel territorio il 9 dicembre per i centri delle zone di Adrano e Paternò, il 10 per quelli di Giarre e Randazzo, l’11 per i Comuni della zona di Acireale e il 12 per Caltagirone e il Calatino. Lo scopo è ascoltare, parlare e condividere con i cittadini, i lavoratori, i pensionati, i giovani, i migranti gli obiettivi delle proposte della Cisl sul Jobs Act e la legge di stabilità nazionale. 

I temi dello sciopero del pubblico impiego e della successiva mobilitazione sono stati illustrati stamattina alla stampa da Rosaria Rotolo, segretaria generale della Cisl di Catania, e dai segretari generali delle federazioni provinciali interessate Antonella Lanzafame (Cisl Università), Antonio Sasso (Fns Cisl lavoratori della sicurezza), Armando Coco (Cisl Funzione Pubblica) e Pippo Denaro (Cisl Scuola).

Il mondo dei dipendenti pubblici non rivendica solo il rinnovo del contratto, ma che si dia anche il giusto valore al lavoro pubblico che è un bene di tutti, si sblocchi il turn over, si taglino gli sprechi e le consulenze, si riconoscano le professionalità negli enti pubblici, ci siano mezzi e personale adeguati per gli interventi nella sicurezza, si possa studiare e insegnare in scuole migliori senza differenze tra Nord e Sud, si introduca l’innovazione e si migliori la qualità dei servizi ai cittadini.

Contro il blocco dei contratti, le federazioni della Cisl Lavoro Pubblico hanno depositato un ricorso presso il Tribunale di Roma. «La procedura – ha precisato Coco (Cisl Fp Catania) - è stata avviata affinché il medesimo Tribunale sollevi di fronte alla Corte Costituzionale la questione di legittimità in merito al decreto legge n. 78/2010 convertito in legge n. 122/2010. Una norma prorogata per il sesto anno dalla legge di stabilità e che incide pesantemente sulla condizione salariale dei dipendenti pubblici».

La mobilitazione nazionale successiva del 2, 3 e 4 dicembre, ma anche quella territoriale a Catania, prende le mosse dalla strategia che la Cisl sta mettendo in campo tutta volta a ottenere gli opportuni cambiamenti al provvedimenti che il governo sta varando in questi giorni: tanto nella riforma per il lavoro quanto nella legge di stabilita ci sono interventi buoni e parti da modificare.

"Va bene il contratto a tutele crescenti – ha affermato Rotolo – se si supereranno i contratti che generano precarietà e si eliminano le false Partite Iva. Tale contratto insieme agli sgravi per le nuove assunzioni possono diventare una reale opportunità per nuova occupazione e emersione del lavoro irregolare. È positivo un sistema di ammortizzatori sociali universalistico ma deve essere esteso a tutti i settori e ai lavoratori di tutte le imprese e di qualsiasi dimensione".

"Chiediamo nella Legge di stabilità – ha aggiunto – misure più incisive per realizzare lo shock fiscale e favorire la ripresa dei consumi, estensione del bonus 80 euro ai pensionati, rifinanziare la detassazione e la decontribuzione dei premi di produttività, rivedere il taglio ai patronati che svolgono un servizio gratuito per la collettività".

"Al presidente Renzi  – ha concluso – la Cisl di Catania chiede di passare dalle parole ai fatti, di immergersi davvero nella realtà siciliana e catanese non da solo ma confrontandosi con il mondo del lavoro e delle imprese. Solo da tali sinergie sarà possibile ricavare soluzioni condivise che possono alleviare la fame di lavoro che c'è nei nostri territori".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

social

Forno a microonde: quali cibi non cucinare al suo interno

Alimentazione

Aglio: tipologie, proprietà e benefici

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento