Fermo degli autotrasportatori in Sicilia dal 16 al 20 gennaio 2012

Il fermo degli autotrasportatori in Sicilia dal 16 al 20 gennaio 2012 è la prima protesta del nuovo movimento cittadino catanese "Forza D'urto" presentato, ufficialmente, questa mattina

Blocco Autotrasportatori

Questa mattina è stato presentato, ufficialmente, il nuovo movimento cittadino denominato "Forza D'urto", come già anticipato nel precedente articolo vi fanno parte gli autotrasportatori dell'Aias, il Movimento dei Forconi i rappresentanti del mondo della produzione agricola, dei pescatori, gli indignati e tantissimi altri gruppi. 

Il costo eccessivo del carburante, la mancanza di regolamentazione dei pagamenti della committenza, il cartello imposto dalle compagnie assicurative e una rete infrastrutturale inadeguata. Sono alcuni dei motivi alla base della nascita del Movimento "Forza d'urto".

La prima protesta interessa il fermo degli autotrasportatori in Sicilia dal 16 al 20 gennaio 2012.

"Noi stiamo soffrendo di piu' rispetto al resto d'Italia - ha spiegato il presidente dell'Aias Giuseppe Richichi - perche' siamo periferici. Abbiamo piu' volte chiesto l'intervento dello Stato in maniera da non allontanarci ulteriormente dall'Europa, ma non siamo stati ascoltati. Il nostro e' uno sciopero spontaneo che non produrra' alcun caos e ci auguriamo che vedra' l'adesione di tutti i siciliani. Ma e' necessario perche' ormai siamo con le spalle al muro. Non ci saranno le situazioni che si sono venute a creare nel 2000. Noi non vogliamo danneggiare nessuno. Ci fermiamo solo per il bene della Sicilia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Siamo stanchi - ha aggiunto dal canto suo il leader del Movimento dei Forconi Mariano Ferro - perche' questa terra potrebbe essere ricca e invece continuiamo tutti a soffrire. Abbiamo chiesto al governo, a tutti i governi, di ascoltarci: nulla. Adesso speriamo che con questa protesta abbiano un pizzico di attenzione nei nostri confronti"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale in via Passo Gravina, a perdere la vita uno scooterista

  • Sidra, il 3 agosto sospesa erogazione idrica: ecco la zona di Catania interessata

  • Coronavirus, nuovi casi nella provincia etnea

  • Coronavirus, invitato a nozze positivo e 90 in quarantena: donna ricoverata a Catania

  • Coronavirus, in Sicilia 39 nuovi casi: a Catania sono 6 in più

  • Aeroporto, hostess con febbre: attivata la procedura di biocontenimento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento