Movida "violenta", sedere in piazza Teatro Massimo e subire uno scippo

Una ragazza chiacchierava con gli amici seduta sulla scalinata di via Teatro Massimo e con una mossa fulminea un uomo le ha scippato la borsa che teneva poggiata sulla spalla. Il ladro si è dato alla rapida fuga ma le grida della vittima hanno attirato l’attenzione dei militari che sostavano poco lontano

Ancora la movida catanese e i problemi di sicurezza. I carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno arrestato in flagranza D.L., di anni 25, cittadino della Repubblica del Gambìa, senza permesso di soggiorno, per furto con strappo.

Il giovane ha approfittato della distrazione di una ragazza di 22 anni che chiacchierava con gli amici seduta sulla scalinata di via Teatro Massimo e con una mossa fulminea le  ha scippato la borsa che teneva poggiata sulla spalla. Il gambiano si è dato alla rapida fuga ma le grida della vittima hanno attirato l’attenzione dei militari che sostavano poco lontano.

L’equipaggio si è messo subito di corsa all’inseguimento dello scippatore che è stato bloccato e ammanettato poche centinaia di metri più in là. La refurtiva è stata recuperata e restituita alla vittima. L’arrestato è stato rinchiuso in camera di sicurezza in attesa di essere giudicato dall’Autorità Giudiziaria con rito direttissimo.

Alcuni giorni fa, sempre nell’ambito dei servizi predisposti per il controllo del centro storico nei fine settimana, i Carabinieri delle Compagnie di Piazza Dante e di Gravina di Catania avevano arrestato in Piazza Vincenzo Bellini per lo stesso reato un pregiudicato 19enne e un 36 enne, entrambi tunisini, poiché avevano rubato il cellulare ad un giovane che si trovava a passeggio in via Sangiuliano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento