Scoperta maxi piantagione di canapa indiana, due arresti

All’interno del fondo agricolo gli operanti hanno scoperto due diverse specie di coltivazioni: una dedicata alla canapa indiana tradizionale e l’altra alla produzione della varietà denominata “Skunk”

I carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Paternò, coadiuvati dallo squadrone eliportato cacciatori “Sicilia”, hanno arrestato due biancavillesi di 55 e 23 anni, poiché ritenuti responsabili di produzione illecita di sostanze stupefacenti. Grazie anche alla collaborazione di un velivolo del 12° Nucleo Elicotteri carabinieri di Catania, i militari sul campo, ieri pomeriggio, dopo un lungo servizio di osservazione, hanno potuto sorprendere i due mentre irrigavano una vasta piantagione di canapa indiana esistente in contrada Pietralunga, territorio del comune di Paternò.

All’interno del fondo agricolo gli operanti hanno scoperto due diverse specie di coltivazioni: una dedicata alla canapa indiana tradizionale e l’altra alla produzione della varietà denominata “Skunk”. In totale sono state sequestrate/i: 350 piante, il sistema di irrigazione, nonché del materiale comunemente utilizzato dagli spacciatori per preparare le dosi di stupefacente da porre in commercio (quest’ultimo rinvenuto nelle abitazioni degli arrestati). Gli arrestati, assolte le formalità di rito, sono stati relegati agli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento