Cronaca

Coronavirus, Gilda: "Non ci sono le condizioni per rientro il 7"

A pochi giorni dalla riapertura delle scuole, con il rientro in classe previsto il 7 gennaio, il sindacato degli insegnanti Gilda lancia un grido d'allarme

A pochi giorni dalla riapertura delle scuole, con il rientro in classe previsto il 7 gennaio, il sindacato degli insegnanti Gilda "non riscontra le condizioni di sicurezza necessarie per tutelare docenti, alunni e l'intera comunità educante", alla luce della pandemia da Covid-19.

"Non ci sono i presupposti oggettivi per il rientro a scuola in sicurezza - afferma Giorgio La Placa, coordinatore provinciale del sindacato - non siamo a conoscenza di un piano di trasporti adeguato, gli organici sono rimasti invariati e le classi vivono il cronico stato di sovraffollamento". Per la Gilda, "a distanza di 15 giorni dalla sospensione delle lezioni, una fase caratterizzata dalla connotazione in zone rosse dell'intero territorio nazionale, e' alto il timore di un boom di contagi in ambito scolastico. "Tra le nostre proposte - sottolinea La Placa - c'era quella di uno screening di massa della popolazione scolastica. Ma non c'è traccia di una simile azione preventiva. Riteniamo pertanto che, per tutti gli ordini della scuola, non ci siano le condizioni per il rientro in classe. La didattica a distanza è un pessimo modo di fare scuola - conclude il coordinatore Gilda di Catania - nonostante ciò, al momento resta l'unica modalità perseguibile. Abbiamo il dovere di tutelare la salute di chi rappresentiamo, ci opponiamo al rientro in presenza"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Gilda: "Non ci sono le condizioni per rientro il 7"

CataniaToday è in caricamento