rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca

Scuola, i sindaci temono i contagi e chiudono gli istituti attraverso le ordinanze

Nonostante la comunicazione della riapertura, a partire dal 13 gennaio, da parte della Regione alcuni sindaci hanno deciso di prolungare per qualche altro giorno la serrata degli istituti scolastici. Caltagirone e Motta tra i primi Comuni a comunicare l'allungamento della chiusura

Nonostante l'annuncio dell'assessore regionale Lagalla sulla ripartenza delle lezioni in classe, a partire da domani 13 gennaio, molti sindaci sceglieranno di emanare apposite ordinanze per prolungare la chiusura e delegare ogni singolo istituto all'utilizzo della Dad. Dopo il vertice tra i sindaci e la Regione, infatti, si è riunita l'Anci che ha fatto il punto su una mancanza di dati "certi" sui contagi e sui tracciamenti, considerando ancora non sicuro un rientro con questa situazione di diffusione galoppante del virus.

Tra i primi a comunicare l'emanazione dell'ordinanza di chiusura nel Catanese è stato il sindaco di Motta Anastasio Carrà: "Cari concittadini, vi anticipo che per la tutela della salute nostra e , in particolare, della popolazione scolastica sto redigendo apposita ordinanza di chiusura   da domani sino a  lunedì 17 p.v.delle scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado del nostro territorio . Questa mia decisione scaturisce dall'aumento dei numeri dei positivi e dalla volontà di questa amministrazione di tutelare la propria cittadinanza... sempre dalla vostra parte".

Anche il primo cittadino di Caltagirone ha emanato un'ordinanza: le scuole saranno chiuse sino a sabato 15 gennaio "per ragioni legate alla tutela della salute pubblica e, in particolare, della popolazione scolastica" e nell'intento di "porre un argine al contagio, riducendo le possibili cause di ulteriore diffusione del Covid", si determina, per i giorni di giovedì 13, venerdì 14 e sabato 15 gennaio, lo stop all'attività scolastica in presenza  in tutte le scuole di ogni ordine e grado del territorio del Comune di Caltagirone, disponendo, nel contempo, l'attivazione della Dad. I sindaci dei Comuni di Mascalucia e Scordia - così come gli altri colleghi - hanno optato per l'emanazione dell'ordinanza di chiusura: si ritornerà in classe il prossimo 17 gennaio.

Il primo cittadino di Castiglione di Sicilia ha dichiarato: "Credo sia opportuno continuare a tenere le scuole chiuse. Se da una parte è vero che la situazione in cui ci troviamo non dipende da contagi avvenuti nelle scuole, dall'altra credo sia rischioso, senza effettuare screening e senza dati certi sui contagi,  aprire le scuole. Nessuno vuol prendersi la responsabilità di emettere provvedimenti di chiusura, ma il sindaco deve senza indugio operare per il bene della comunità che rappresenta. Credo pertanto che chiudere la scuola possa servire ad evitare la diffusione del virus in attesa di screening e rientro in sicurezza. Ci sostituiamo a chi non ha la forza ed il coraggio di scegliere. Come sempre!".

Il sindaco di Acireale, Stefano Alì, ha predisposto anch'egli l’ordinanza attraverso la quale dispone la chiusura degli istituti scolastici di ogni ordine e grado sino al prossimo 16 gennaio, per via dell’emergenza sanitaria in corso e alla luce dell’incremento dei contagi. Durante tale periodo di tempo, le autorità scolastiche provvederanno ad ogni determinazione di propria competenza con riferimento all’organizzazione del servizio scolastico.

in aggiornamento

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, i sindaci temono i contagi e chiudono gli istituti attraverso le ordinanze

CataniaToday è in caricamento