menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola “Quasimodo-Padre Santo di Guardo”: "Amiamo il quartiere" con i militari di Sigonella

L’iniziativa, svoltasi nella scuola di San Giovanni Galermo, si chiama “AmiAmo il quartiere” ed ha visto decine di alunni dell’istituto comprensivo, nei pressi di via Don Minzoni, mettere da parte per una giornata libri e quaderni per utilizzare pennelli e rastrelli

Studenti dell’istituto “Quasimodo-Padre Santo di Guardo” e militari americani di Sigonella insieme per lanciare un messaggio di rispetto e di cura per l’ambiente che ci circonda. L’iniziativa, svoltasi nella scuola di San Giovanni Galermo, si chiama “AmiAmo il quartiere” ed ha visto decine di alunni dell’istituto comprensivo, nei pressi di via Don Minzoni, mettere da parte per una giornata libri e quaderni per utilizzare pennelli e rastrelli.

Tutti con il preciso obiettivo di pulire il cortile interno e gli spazi esterni dell’istituto dalle scritte sui muri e dalla spazzatura. Un messaggio di educazione civica e di cura del proprio territorio fortissimamente voluto dal sottoscritto consigliere comunale Giuseppe Catalano. In qualità di amministratore cittadino desidero quindi ringraziare il dottor Alberto Lunetta, responsabile delle relazioni esterne della base Nas di Sigonella, dell’assessore alle Politiche Scolastiche Ausilia Mastrandrea, del presidente della IV municipalità Emanuele Giacalone, della dirigente della “Quasimodo-Padre Santo di Guardo” Simona Perni, di tutto il personale scolastico, dei genitori e dei volontari che hanno reso possibile tutto questo.

Troppe volte San Giovanni Galermo è stato al centro della terribile piaga legata alla continua presenza di decine di discariche abusive. Un problema che va affrontato soprattutto da un punto di vista culturale. I giovani,in questo contesto, possono fare la differenza perché sono loro i futuri cittadini del domani. Occorre creare una rete con una cabina di regia strutturata che veda in prima linea per il rispetto delle propria città e del suo arredo urbano le scuole, le parrocchie e le associazioni. Da qui la volontà di farmi portavoce in consiglio comunale affinchè questo tipo di iniziative possano prendere piede in altri quartieri del capoluogo etneo colpiti dal vandalismo e dalla presenza di discariche abusive.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Sicurezza

Fughe delle piastrelle: i prodotti da utilizzare

social

Forno a microonde: quali cibi non cucinare al suo interno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento