San Gregorio, doppi turni a rotazione alla scuola Savio

Previsto un programma di turnazione pomeridiano delle lezioni che, garantiscono dalla direzione scolastica, sarà breve e a turno alternato tra tutte le classi

E' previsto per il prossimo 24 settembre il suono della prima campanella all’Istituto comprensivo San Domenico Savio di San Gregorio. Anche qui, come in tantissime scuole d'Italia prive di spazi sufficienti per garantire il distanziamento sociale, è stato previsto un programma di turnazione pomeridiano delle lezioni che, garantiscono dalla direzione scolastica, sarà breve e a turno alternato tra tutte le classi. A partire saranno gli alunni più grandi di quinta elementare e seconda e terza media. A loro il compito di iniziare con la turnazione pomeridiana cui seguiranno anche le classi dei più piccoli.

"Se non sarà possibile in tempi brevi ottenere le aule per la scuola media promesseci dal Comune – ha spiegato la preside dell’Istituto comprensivo, Daniela Fonti – proseguiremo con la turnazione pomeridiana anche delle altre classi restituendo la scuola di mattina a chi oggi abbiamo costretto al rimedio pomeridiano". La “San Domenico Savio” quanto a struttura, infatti, non riesce a sopperire interamente alle norme sul distanziamento previste dalla legge e così sin dai mesi scorsi, l'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Carmelo Corsaro, ha cercato, con costante attenzione, da reperire le strutture da potere destinare a plesso scolastico. "Dal mese di maggio – ha specificato il primo cittadino Corsaro – siamo alla ricerca di locali da adibire ad aule scolastiche per gli oltre 280 alunni della scuola media, ma le stringenti normative e la destinazione d'uso dei locali hanno reso davvero impegnativa la ricerca che, diciamo, con la dovuta cautela, potremmo finalmente avere ultimato".

Se dovessero arrivare le 11 aule necessarie per spostare in altra sede la scuola media, infatti, anche le poche classi oggi costrette alla turnazione pomeridiana rientrerebbero da subito la mattina. "Riconosco in primis al sindaco e ai nostri tecnici comunali – ha commentato il presidente del consiglio comunale, Ivan Albo – l’impegno incessante per trovare una soluzione al problema strutturale dell’Istituto “Savio”, soluzione – ha concluso – che potrebbe presto arrivare grazie anche alle importanti interlocuzioni con la Prefettura di Catania e col Ministero". Un primo bando per la presentazione delle offerte sulla locazione scolastica è andato deserto ma gli amministratori sangregoresi restano fiduciosi in una possibile soluzione al problema alloggiativo della “Savio” tanto che l'ente comunale potrebbe ripubblicare il bando entro i prossimi giorni sicuro che giungano offerte utili per la concreta valutazione tecnica. Si attendono, quindi, futuri risvolti mentre i genitori si preparano ad organizzare con mascherine e astucci sanificati il nuovo inizio di un anno scolastico dai risvolti in parte ancora imprevedibili.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento