Scuole al freddo, monta la protesta dei genitori: "I nostri figli rischiano di ammalarsi"

Lezioni interrotte per la mancanza di riscaldamento. Disagi all'Italo Calvino di Barriera e al Karol Wojtyla di Canalicchio

"I nostri figli stanno in classe con il giubbotto e la sciarpa. Una condizione inaccettabile, saremo costretti a non mandarli a scuola se non si provvede immediatamente". Le segnalazioni dei genitori provengono da diversi istituti del territorio Comunale e raccontano il disagio sofferto da alunni e insegnanti costretti a fare lezione al freddo e al gelo. 

"Una situazione che si ripresenta sempre - afferma la mamma di un alunno dell'Istituto Italo Calvino di Barriera - siamo così da novembre, accendono i riscaldamenti un'ora al giorno, a basso regime. Le maestre si portano le stufette da casa. Dopo le nostre proteste, stamattina è venuto il consigliere comunale Maurizio Mirenda al quale abbiamo fatto presente anche tutti gli altri problemi che ci sono in questa scuola". 

Si uniscono al coro di protesta anche i genitori dell'Istituto Alberghiero Karol Wojtyla che lamentano anche loro la totale mancanza di riscaldamento nel nuovo plesso a Canalicchio: "Non li mandiamo a scuola da una settimana - precisa un genitore - con le classi in quelle condizioni rischiano di ammalarsi".

Anche le scuole superiori soffrono il disagio della mancanza di riscaldamento, gli studenti si mobilitano anche al De Felice

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento