Scuole, quasi completata la disinfestazione da processionaria

Dal 17 marzo al 2 aprile sono stati liberati dalla processionaria sei tra materne e asili nido, dieci circoli didattici e nove istituti comprensivi. I nidi di processionaria rimossi sono stati in tutto 979. Il maggior numero di nidi, ben 179, è stato rimosso nell'Istituto Recupero di via Velle

È stato quasi completato dal Comune di Catania il programma di disinfestazione dalla processionaria dei pini che si trovano nelle scuole cittadine.
“Su unelenco di 38 siti – ha spiegato l’assessore al Verde Rosario D’Agata – ne abbiamo già disinfestati trenta e nei prossimi giorni completeremo l’operazione, cominciata con la rimozione dei nidi di larve dal Parco Falcone e dalla scuola Dante Alighieri. La disinfestazione è stata compiuta dagli operai della Multiservizi che hanno raggiunto le zone più alte degli alberi di pino utilizzando un braccio meccanico con cestello”.

La processionaria del pino è un lepidottero che, in fase larvale, si presenta come un verme lungo da uno a tre centimetri difeso da peli urticanti. Deve il suo nome al fatto che le larve procedono in fila indiana come in processione.

Dal 17 marzo al 2 aprile sono stati liberati dalla processionaria sei tra materne e asili nido, dieci circoli didattici e  nove istituti comprensivi. I nidi di processionaria rimossi sono stati in tutto 979.

L’asilo nido è quello di via del Nespolo e le scuole materne la Papavero di via Carducci, la Dante Alighieri di via Sassari, la  Ibiscus di via Laurana, la De Sanctis di via Caracciolo e la Quasimodo di via D’Agata.  

I circoli didattici sono la Deledda di piazza Montessori, la De Amicis di via Eleonora d’Angiò, la Pizzigoni di via Siena, la D’Annunzio di via Quartararo, la Don Milani di via Brindisi e di via Ferro Fabiani, la Padre Di Guardo di via Vitale, la Corridoni di via Torresino, la De Amicis di via Merlino, la Coppola di via Medaglie d’oro, la Montessori di via Bainsizza.  

Gli istituti comprensivi sono la Tempesta di via Piave, la Parini di via Quasimodo e di via della Scogliera, la Recupero di via Velletri e di via Messina, la Meucci di via Sabato Martelli Castaldi, la Vittorino da Feltre di via Durante, la Brancati di stradale Cravone, la Pestalozzi di via Verrazzano e Villaggio Sant’Agata, la Dusmet di via Castagnola e di via degli Agrumi e la Santi Giuffrida di viale Africa. Il maggior numero di nidi, ben 179, è stato rimosso nell’Istituto Recupero di via Velle

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento