Parco Amico, Crimi: "No a interventi episodici, sia ad una manutenzione costante"

"Ringrazio la multiservizi per l'intervento sul verde, ma serve attenzione costante" afferma il consigliere della seconda circoscrizione Vincenzo Crimi

 Il parco amico, area verde della seconda circoscrizione, sita tra via Pietro Novelli e via Concetto Marchesi, da anni è in stato di abbandono e a rischio sicurezza. Verde poco curato, illuminazione assente, panchine divelte e giochi per i più piccoli vandalizzati e rubati sono alcuni dei problemi segnalati dagli abitanti del quartiere.

"Le mamme del rione non portano più i bambini qui a giocare - ci racconta il consigliere della seconda circoscrizione Vincenzo Crimi - perché è a rischio la loro incolumità. Ringrazio moltissimo la Multiservizi e l'ufficio comunale che si occupa del verde per essere intervenuti tagliando alberi e siepi ormai altissime, perché questi contribuivano a rendere invivibile il parco, facilitando i malintenzionati. Anni fa sono state rubate altalene e giochi che abbiamo ricomprato grazie ad una speciale raccolta di cartone con la quale abbiamo guadagnato una cifra, ma in generale per questi spazi è necessario fare di più e più costantemente".

"Per questa ragione ho presentato in consiglio una proposta di riqualificazione di quest'area - conclude Crimi - affinchè vengano ripristinate le panchine divelte e venga installato un sistema d'illuminazione autonomo solo per il parco, che lo renda fruibile e sicuro anche di sera"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento