Chiamate al 113: prostitute davanti casa e parcheggiatori abusivi

Continue segnalazioni al 113 per denunciare la presenza di prostitute dell'Est davanti casa o posteggiatori abusivi che chiedono il "pizzo"

Continuano le spedizioni punitive delle squadre dell'Ufficio prevenzione generale e sicurezza pubblica della Questura. A caccia di posteggiatori abusivi, l'ultima zona passata al controllo è stata quella del litorale di viale Kennedy.

Ogni giorno, infatti, sono numerose le segnalazioni dei bagnanti infastiditi perchè costretti a dover pagare i parcheggiatori abusivi. In questo modo la polizia - su specifiche direttive del nuovo questore di Catania Antonino Cufalo - intende, da un lato, contrastare il più possibile le varie forme di illegalità dilaganti in città, dall'altro orientare i propri interventi sulla base delle istanze provenienti dalla cittadinanza.

Oltre che dei posteggiatori abusivi, i catanesi si rivolgono innumerevoli volte al 113 per denunciare la presenza di prostitute dell'Est e di clienti nei pressi delle proprie abitazioni, se non addirittura davanti al portone di casa o negli spazi condominiali. Tornando ai posteggiatori, ieri gli agenti ne hanno denunciati alcuni per violazione dell'articolo 7 del Codice della strada.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva preso due aerei ed un taxi per tornare in Sicilia: morta 73enne

  • Coronavirus, ordinare a domicilio: la lista delle attività a Catania

  • Coronavirus, in Sicilia 1095 contagiati (+159), i morti a Catania sono 15

  • Fanno la spesa, ma non possono pagare: due cittadini identificati

  • "A casa con febbre e tosse, ma nessun tampone", il racconto di un giornalista di CataniaToday

  • Coronavirus, al Garibaldi già dieci guariti con la terapia "combinata"

Torna su
CataniaToday è in caricamento