rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Cronaca

Segretario Uil a Catania: "Con austerity non si risolve nulla"

Queste le affermazioni di Carmelo Barbagallo rilasciate alla fine di un incontro a Catania per una manifestazione dei dipendenti pubblici della provincia. Dura la risposta lanciata al premier Renzi dopo le ultime manovre del governo. Previsioni poco confortanti anche per le imminenti prospettive future del paese

Il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, a Catania per una manifestazione dei dipendenti pubblici della Provincia. Queste le sue affermazioni, lanciate alla fine dell'incontro, in risposta al premier Matteo Renzi: "L'Italia e' rimessa in corsa? Finora i dati statistici dicono esattamente il contrario, che il Paese è in recessione e in deflazione, che la disoccupazione aumenta, che non c'e' nessuna ripresa in vista".

"In questo Paese se lui vuole che il sindacato italiano ed europeo gli dia una mano a cambiare la politica economica europea e del nostro Paese, noi siamo pronti - continua Barbagallo - Ma per rilanciare l'economia bisogna fare investimenti pubblici e privati. Con l'austerità non si rilancia niente, si va in depressione, si continuano ad avere più disoccupati e prospettive di lavoro non ce ne saranno nè per i giovani, nè per gli anziani, tant'è che fanno leggi che favoriscono come licenziare i giovani e i lavoratori: questo è il vero risultato delle politiche economiche del Paese"

"Bisogna riprendere la contrattazione a partire del pubblico impiego - ha concluso Barbagallo - ma anche in tutti i settori privati, che oggi soffrono di questa condizione. L'alfabeto della crisi non è fermo alla T di Termini Imerese, Terni e Taranto, cose importanti che sono state fatte e che noi condividiamo, ma l'alfabeto è molto lungo e le aziende in crisi sono centinaia e centinaia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Segretario Uil a Catania: "Con austerity non si risolve nulla"

CataniaToday è in caricamento