Troppo caldo, la Uilpa chiede di sospendere servizio sentinella in carcere

Le temperature superano i quaranta gradi per via dei vetri antiproiettile e dell'assenza di un climatizzatore

"Sospendere il servizio di sentinella a causa dell'estrema calura estiva, resa ancora più intollerabile dai vetri antiproiettile". È la richiesta che Armando Algozzino, segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione di Catania, rivolge alla direzione della Casa Circondariale "Piazza Lanza" in una nota trasmessa, tra gli altri, anche ai vertici del Provveditorato Regionale dell'Amministrazione Penitenziaria, al Servizio di Vigilanza sull'Igiene e la Sicurezza dell'Amministrazione della Giustizia, al capo del personale del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria e alla Procura della Repubblica di Catania. "Le temperature - spiega il segretario - superano i quaranta gradi per via dei vetri antiproiettile e dell'assenza di un climatizzatore: una condizione chiaramente incompatibile con il benessere del personale, che ha già registrato disagi e danni fisici, causati dal caldo insostenibile". Secondo Algozzino, nello specifico, si rileverebbe la violazione del decreto legislativo 81 del 2008, ovvero il provvedimento normativo che riordina e coordina, all'interno di un unico testo, tutte le regole vigenti in materia di salute e di sicurezza nel luogo di lavoro: da qui, la richiesta di sospendere il servizio, almeno fino al rientro delle temperature nei limiti accettabili previsti dalla legge.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'esponente sindacale torna dunque a evidenziare le numerose criticità in atto presso la Casa Circondariale: nelle settimane scorse, anche nelle vesti di Commissario nazionale della Uilpa Polizia Penitenziaria, Algozzino aveva deplorato il comportamento dell'Amministrazione non soltanto in merito all'ormai cronica carenza di organico che caratterizza l'Istituto, ma anche all'assenza di uno spaccio e di una stanza ricreativa fuori dal settore detentivo. "Proprio a seguito dell'inspiegabile chiusura del bar - spaccio - afferma - tutto il personale dell'Istituto, sia amministrativo che di Polizia Penitenziaria, è costretto a ristorarsi con bibite e caffè in una piccola stanza piena di distributori automatici e priva di un condizionatore, dove persino attendere la preparazione e l'erogazione di una bevanda diventa una sofferenza". Nel "mirino" del sindacato, anche i servizi igienici privi delle più elementari dotazioni per renderli funzionali: asciugamani, carta igienica e sapone.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento