Separazione e divorzio, a Catania una manifestazione contro il Ddl Pillon

In tutta Italia si manifesta contro il Ddl proposto dal senatore Pillon sulla revisione delle norme in materia di separazione, divorzio e affido dei minori, perché "ci porta indietro di 50 anni e intende trasformare le vite degli ex coniugi e dei loro figli", spiegano le associazioni

In tutta Italia si manifesta contro il Ddl proposto dal senatore Pillon sulla revisione delle norme in materia di separazione, divorzio e affido dei minori, perché “ci porta indietro di 50 anni e intende trasformare le vite degli ex coniugi e dei loro figli/e in un percorso ad ostacoli, che a parole vorrebbe conciliare i loro problemi, ma di fatto crea maggiori contrasti, imponendo regole che stravolgerebbero la vita proprio di quei figli che vorrebbe tutelare.L’iniziativa legislativa mira, infatti, a ristabilire il controllo pubblico sui rapporti familiari e nelle relazioni attraverso interventi disciplinari, con una compressione inaccettabile dell’autonomia personale dei/delle singoli/e”.

Tra le ragioni del no al decreto, le associazioni puntano il dito anche contro la finta assenza di differenze economiche di genere e di disparità per le donne nell’acceso alle risorse, poche nella presenza e permanenza sul mercato del lavoro, nei livelli salariali e nello sviluppo della carriera. “Cancellare l’assegno di mantenimento a favore dei figli dà per scontato che ciascun genitore sia nella condizione di dare al figlio pari tenore di vita. Ciò nella maggioranza dei casi non è vero, come i dati Istat confermano. La disparità di capacità economiche dei genitori comporterà una disparità di trattamento dei figli quando saranno con l’uno o l’altro genitore”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Catania il presidio è proposto dal Centro Antiviolenza Thamaia, UDI Catania (Udi Unione donne in Italia), Telefono Rosa Bronte, CGIL Confederazione generale italiana del lavoro  - Catania, Dipartimento politiche di genere CGIL CT, NUDM Non una di meno Catania, RiVoltaPagina, ARCI Catania, Rete La Ragna-Tela (La Città Felice, LILA Catania, Associazione Penelope: coordinamento solidarietà sociale, Sezione PCI Olga Benario, COBAS Scuola, SUNIA Catania, Centro Koros, ANPI Catania, ANPI Sicilia, Comitato No Muos No Sigonella, Mamme No Muos Caltagirone, Animal Thèatron, Rete antirazzista catanese, CDC: Coordinamento Democrazia Costituzionale Catania, Comitato popolare Antico Corso, AGEDO, Mama Kreis, Comitato No Pua, Comitato abitanti di Piazza Federico di Svevia, Akkuaria, Catania Bene Comune, Uomini contro la violenza maschile alle donne, Metis Catania counseling filosofico, FEMMINISTORIE Catania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento