Sequestrate dai carabinieri 135 arnie provenienti da Catania: sanzionato apicoltore

I carabinieri di Crotone hanno constatato che l'apiario non era registrato all'anagrafe apistica nazionale

I carabinieri forestali hanno sequestrato nei giorni scorsi 135 arnie in un uliveto a Roccabernarda di proprietà di un apicoltore catanese che è stato identificato. Il servizio veterinario dell'Asp, fatto intervenire dai militari, ha constatato che il movimento dell'apiario non era registrato all'anagrafe apistica, così come previsto dalle norme vigenti. Alcuni apiari sono stati individuati nella località Lenze del comune di Roccabernarda dal Gruppo carabinieri forestale di Crotone su terreni di proprietà privata, limitrofi ad un bosco di eucaliptus. Il fatto attesta dunque nel territorio del crotonese la presenza di alveari provenienti dalla Sicilia, dove le condizioni meteorologiche non favorevoli alle fioriture spingerebbero gli apicoltori al nomadismo, talvolta irregolare, in Calabria. Un apiario è risultato privo di targhette identificative.

I militari hanno chiesto subito l'intervento del servizio veterinario dell'Asp Crotone per verificare le condizioni sanitarie degli insetti. Si è constatato che l'apiario non era registrato all'anagrafe apistica nazionale così come previsto dalle norme vigenti. Sono state poste sotto sequestro in tutto 135 arnie. Sono in corso ulteriori accertamenti da parte del servizio veterinario per verificare la condizione sanitaria degli insetti. Il proprietario sarà sanzionato come previsto dalle norme vigenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento