Sequestrati a Fabrizio Corona 1,7 milioni: erano nascosti in un controsoffitto

Il denaro, sequestrato dalla sezione prevenzione del tribunale di Milano, farebbe riferimento a dei guadagni in nero. Nel provvedimento del giudice si parlerebbe anche di "pericolosità sociale" dell'ex agente fotografico dei vip

Fabrizio Corona nascondeva 1,7 milioni di euro nel controsoffitto di un immobile appartenente ad un soggetto ritenuto l'amministratore di una società dell'ex agente fotografico dei vip.

Il denaro è stato sequestrato dalla sezione prevenzione del tribunale di Milano su richiesta del procuratore aggiunto Ilda Boccassini e del Pm Alessandra Dolci e farebbe parte di una serie di "guadagni" in nero ricevuti da Corona in contanti quest'anno, attraverso la Atena, una sua company che si occupa di eventi, sui quali  però non sarebbestata pagata l'Iva per le prestazioni.

 Nel provvedimento pare si faccia riferimento anche alla "pericolosità sociale" di Fabrizio Corona, che al momento è in affidamento in prova ai servizi sociali per scontare i residui 5 anni di pena e che considerato questo sequestro, potrebbe rischiare di tornare in carcere.  Sul sequestro è stata fissata un'udienza per il prossimo 21 gennaio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento