Sequestrati quasi due milioni di profumi contraffati, denunciate tre persone

I finanzieri hanno individuato tre opifici nella provincia di Catania, al cui interno si producevano e confezionavano profumi con marchio contraffatto delle più note case produttrici. La merce contraffatta sequestrata ha un valore complessivo di circa 1.000.000 euro

I Finanzieri del Gruppo della Guardia di Finanza di Catania, nell’ambito di una attività di polizia giudiziaria, tesa a contrastare il fenomeno della illecita commercializzazione di prodotti contraffatti, disposta dal Comando Provinciale delle Fiamme Gialle etnee, hanno sequestrato circa 1.900.000  prodotti contraffatti costituiti da confezioni di profumi già realizzati, cartoni per la confezione riportanti il marchio contraffatto, bottigliette vuote con apposite targhette adesive relative al marchio contraffatto nonché quasi 900 litri di essenze di profumi.

Inoltre, durante l’operazione delle forze dell’ordine, è stato sottoposto a sequestro un macchinario per la produzione dei profumi da confezionare. In particolare i finanzieri, a seguito di articolate attività info-investigative, hanno individuato tre opifici nella provincia di Catania, al cui interno si producevano e confezionavano profumi con marchio contraffatto delle più note case produttrici.

La merce contraffatta è stata sottoposta a sequestro ed ha un valore complessivo di circa 1.000.000 euro.

I tre responsabili degli opifici sono stati denunciati a piede libero, alla locale Autorità Giudiziaria, per violazione alla normativa sulla contraffazione del marchio, nello specifico per produzione e commercializzazione di prodotti recanti marchi contraffatti (artt.473, 474 e 517 c.p.).

MACCHINARI2-2

Si tratta indubbiamente di un’operazione che evidenzia, ancora una volta,  come il “mercato del falso” erode sempre più spazi di legalità provocando danni consistenti al sistema economico e sociale. Tale mercato consente di immettere in consumo prodotti con caratteristiche simili a quelli ufficiali a prezzi notevolmente più bassi e quindi alla portata di una platea di consumatori più estesa. Si riscontra, altresì, una estensione e diversificazione dei prodotti soggetti a contraffazione, che non sono costituiti solamente da beni di lusso e di costo elevato, ma interessano anche merci di uso comune come , nel caso specifico, profumi.

In un contesto sempre più diversificato, nel quale nessun prodotto è ormai immune dal rischio di essere falsificato, l’aspetto che allarma maggiormente è la crescita di sequestri di prodotti potenzialmente pericolosi per la salute degli acquirenti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento