Sequestrate armi, droga e denaro falso nell’abitazione di un sorvegliato speciale

L’operazione è scattata questa mattina quando i militari hanno fatto irruzione nell’abitazione del sorvegliato speciale sottoponendola a perquisizione. Gli stupefacenti sequestrati avrebbero potuto fruttare circa 20 mila euro

I carabinieri della compagnia di Gravina di Catania hanno arrestato, il 39enne Mavilla Diego Enrico, per detenzione illegale di armi e munizionamento, detenzione illecita di sostanze stupefacenti, violazione delle prescrizioni inerenti la sorveglianza speciale, ricettazione e falsificazione di monete.

L’operazione è scattata questa mattina quando i militari hanno fatto irruzione nell’abitazione del sorvegliato speciale sottoponendola a perquisizione. L’operazione ha consentito il sequestro di: una pistola  “scacciacani”, modificata in modo da aumentarne le potenzialità offensiva, completa di caricatore contenente 3 cartucce “GFL” calibro 7,65; 55 cartucce di vario calibro; 100 grammi di cocaina; 500 grammi di marijuana; 30 grammi di hashish; 70 grammi di metanfetamina; 1 bilancino di precisione; 27 banconote da 20 euro, verosimilmente contraffatte, nonché la somma in contanti di circa 1.300 euro, incassati presumibilmente dalla vendita della droga.

Gli stupefacenti sequestrati, se piazzati al dettaglio, avrebbero potuto fruttare circa 20 mila euro.  L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento