I carabinieri sequestrano una discarica a Piano D'Api

I carabinieri hanno rilevato la realizzazione di diverse opere edilizie abusive. L’intera area è stata sottoposta a sequestro

I carabinieri di Acireale hanno denunciato un 33enne di Aci Catena e un 52enne di Acireale, legali rappresentanti di una società specializzata nel trattamento e recupero di rifiuti speciali non pericolosi, ubicata nella frazione Piano d’Api di Acireale in via Barbagallo. Senza avere le autorizzazioni previste dalla legge,svolgevano la loro attività su un'estensione territoriale non autorizzata, pari a circa 4.500 metri quadri di terreno battuto non impermeabilizzato, sul quale venivano scaricate anche le acque reflue industriali. I carabinieri hanno rilevato la realizzazione di diverse opere edilizie abusive. L’intera area è stata sottoposta a sequestro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento