I carabinieri sequestrano un carico di miele conservato in fusti all'aperto

Si è reso necessario il sequestro giudiziario, poiché l’alimento è stato giudicato non più idoneo al consumo umano e pericoloso per la salute dei consumatori

I carabinieri del Nas di Catania hanno scoperto una partita di miele di provenienza sospetta e senza alcun requisito igienico-sanitario a Zafferana. Si è accertato che il prodotto sequestrato, che risultava non rispettare la cosiddetta “filiera alimentare”, quel sistema di informazioni, obbligatorio dal 2005, che permette ai consumatori di conoscerne la provenienza e l’esatta origine a garanzia della genuinità e salubrità, apparteneva ad uno stock sequestrato alcuni mesi prima in Zafferana Etnea per motivi sanitari dai militari sempre dai carabinieri e dall'Asp. Era stato arbitrariamente sottratto dal luogo di custodia e rivenduto. Altro elemento anomalo che ha attirato l’attenzione dei militari e degli operatori sanitari era il metodo di conservazione del prodotto all’interno di fusti metallici anonimi, per un quantitativo di oltre 7 tonnellate. I fusti erano stoccati in un’area all’aperto ed esposti all’irraggiamento solare diretto, alle intemperie ed alle contaminazioni ambientali. Si è reso necessario il sequestro giudiziario, poiché l’alimento è stato giudicato non più idoneo al consumo umano e pericoloso per la salute dei consumatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento