Beni sequestrati ad un tassista, la replica del legale

Riceviamo e pubblichiamo la replica del'avvocato Salvatore Ganci, legale di Riccardo Stefano Zappalà

Riceviamo e pubblichiamo la replica del'avvocato Salvatore Ganci, legale di Riccardo Stefano Zappalà, tassista al quale sono stati sequestrati beni dai carabinieri di Catania.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

t“Prendiamo atto delle contestazioni contenute nel decreto di sequestro, delle quali abbiamo avuto notizia solo pochi giorni addietro e delle accuse scaturenti dall’operazione - I Vicerè - rispetto alle quali, invece, nessuna notifica o atto giudiziario di sorta è stato mai notificato al sig. Zappalà. Per quanto a nostra conoscenza e contrariamente a quanto da Voi pubblicato, il mio assistito non è ritenuto appartenere ad alcun contesto malavitoso di sorta; viene, invero, del tutto esclusa la sua appartenenza alla famiglia Laudani. Preme, altresì, sottolineare che il mio assistito annovera due soli precedenti - di cui uno risalente al 1995 - per possesso di modestissime quantità di sostanza stupefacente. Viene, per converso, contestata una sperequazione tra acquisizioni patrimoniali e reddito dichiarato. Come già avvenuto in passato, relativamente a vicende similari all’esito delle quali è stata, emessa sentenza di assoluzione a suo carico, il mio assistito sottolinea la sua assoluta estraneità a qualsivoglia contesto delinquenziale, confidando nella verità che emergerà all’esito del processo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento