Sequestro preventivo di un complesso aziendale: valore quasi 3 milioni di euro

Il provvedimento segue l'esito delle indagini sul dissesto finanziario e patrimoniale della Leotta srl, società di Acireale che operava nel settore del commercio di articoli sanitari

Su disposizione della Procura, i finanzieri del comando provinciale della guardia di finanza di Catania hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo di un complesso immobiliare dal valore di oltre 2,7 milioni di euro emesso, su richiesta di questo Ufficio, dal Gip del Tribunale etneo.

Il provvedimento segue l'esito delle indagini, coordinate dalla Procura, eseguite dalla tenenza della guardia di finanza di Acireale e che hanno portato a ricostruire le circostanze del dissesto finanziario e patrimoniale della Leotta s.r.l., società di Acireale che operava nel settore del commercio di articoli sanitari, dichiarata fallita nel 2013 dal Tribunale di Catania, che aveva maturato nei confronti dell’Erario e dei propri fornitori 5 milioni di euro di debiti insoluti.

Le indagini sono scaturite da alcune anomalie rilevate durante la procedura concorsuale e, in particolare, dall’esame della carente documentazione contabile relativa all’attività d’impresa esibita dal rappresentante della fallita.

Le Fiamme Gialle, attraverso l’esame delle scritture contabili acquisite e della relazione del curatore fallimentare hanno infatti accertato una grave condotta distrattiva attraverso la quale il rappresentante legale ed il socio unico, entrambi indagati per bancarotta fraudolenta patrimoniale, prima della messa in liquidazione della società hanno fraudolentemente sottratto all’impresa e occultato un attivo patrimoniale pari a 2,7 milioni di euro, che doveva invece essere destinato a soddisfare i creditori commerciali e l’Erario.

In particolare è stata accertata la fraudolenza di una operazione straordinaria di scissione eseguita nel 2012 dagli indagati, attraverso la quale, al dichiarato scopo di far fruttare il bene e reinvestirne i proventi, la Leotta s.r.l. ha trasferito la proprietà di un corposo fabbricato presente in un comune abbruzzese a una società immobiliare neo-costituita.

Le indagini hanno tuttavia evidenziato che la nuova società non ha mai effettivamente operato e che il complesso immobiliare ceduto è stato fatto confluire, con ulteriore scrittura privata, nella disponibilità del coniuge di uno degli indagati.

Da tali evidenze è risultato pertanto evidente lo scopo illecito dell'operazione straordinaria realizzata al fine di mantenere la concreta disponibilità di un bene sottraendolo all’asse fallimentare e quindi ai creditori della Leotta s.r.l., che vedendo così aggravato il proprio dissesto, subito dopo è fallita.

Per effetto del complesso indiziario accertato dalle Fiamme Gialle etnee nel corso delle indagini, l’ufficio del Gip del Tribunale di Catania ha pertanto disposto il sequestro preventivo del bene aziendale illecitamente distratto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento