menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Servizi sociali, Cisl: "Il Sindaco rompa gli indugi e nomini il nuovo assessore"

"Ne risentono - spiega Marco Lombardo, segretario generale della Fnp Pensionati Cisl- importanti servizi di cura all'infanzia e agli anziani, come l’assistenza domiciliare e la programmazione degli asili nido"

"Va a rilento l’assistenza domiciliare agli anziani, prevista nel PAC-Servizi di cura, lo stato del benessere sociale arretra ed è a rischio la programmazione dell’intero sistema delle politiche sociali del distretto socio sanitario di Catania-Misterbianco-Motta Sant’Anastasia. È necessario che il sindaco Bianco nomini al più presto una guida autorevole e competente all’assessorato al Welfare". La Cisl di Catania si rivolge direttamente al primo cittadino del capoluogo etneo per sanare l’assenza, nell’organigramma della giunta, di una figura di vitale importanza non solo per il Comune ma anche per il distretto sociosanitario D16.

"Tra dimissioni annunciate ed effettivamente protocollate dell’assessore Villari - afferma Maurizio Attanasio, segretario generale della Cisl catanese - l’assessorato alle Politiche sociali è praticamente senza una guida politica da oltre un mese: è un lusso che Catania e il distretto D16 non possono concedersi oltre" Ciò che preoccupa la Cisl è anche la situazione socio-economica. "I dati del Rapporto BES 2016 dell’Istat - dice Attanasio - danno un’immagine fortemente penalizzante della Sicilia, dove si acuiscono le disuguaglianze e aumenta la povertà. Un paradosso, se si pensa alle ingenti risorse disponibili, provenienti dallo Stato e dalla Comunità europea proprio per rafforzare gli interventi dei servizi sociali. Fondi che vanno riprogrammati rispetto ai nuovi bisogni emergenti, anche attraverso un chiaro indirizzo politico-organizzativo e una preventiva concertazione territoriale con le forze sociali".

"C’è quindi la necessità di un interlocutore politico adeguato - aggiunge - con cui confrontarsi per comprendere e affrontare le numerose questioni che si stanno delineando: le disponibilità per i servizi sociali dopo i tagli nel bilancio, la programmazione delle risorse destinate alle misure anti-povertà, come il sostegno per l’inclusione attiva, e delle misure del PON Metro e i fondi del Piano operativo FERS per il 2020".

Anche per Marco Lombardo, segretario generale della Fnp Pensionati Cisl di Catania, l’assenza dell’assessore alle politiche sociali penalizza fortemente il settore, anche in ragione del fatto che ancora manca il regolamento unico per l’accesso ai servizi sociali comunali. "Ne risentono - spiega - importanti servizi rientranti nel Pac Servizi di cura all'infanzia e agli anziani, come l’assistenza domiciliare e la programmazione degli asili nido, con pesanti ripercussioni per l’utenza cittadina, famiglie, pensionati e per i lavoratori". "Ecco perché - concludono Attanasio e Lombardo - chiediamo al sindaco Bianco di rompere gli indugi e indicare una figura che abbia qualità nella contrattazione sociale e riconosciute competenze amministrative e delle politiche di welfare locale, anche al di là degli schieramenti politici. La collettività catanese e i lavoratori non possono più attendere".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Piante: perchè tenere in casa la Dracaena Fragrans

social

Bonus Tv 2021: come richiederlo ed ottenerlo

Sicurezza

Risparmio di acqua ed energia: consigli e sistemi innovativi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Confcommercio Fipe: "Basta dall'1 febbraio riapriamo"

  • Formazione

    Lavoro: le figure professionali più ricercate dalle aziende

  • Meteo

    Meteo, da una inusuale estate all'inverno in solo 7 giorni

Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento