rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Cronaca

Servizi sociali, campagna di assemblee e volantinaggi davanti ai municipi

Continua così la protesta indetta dai Cgil, Cisl, Uil con le federazioni dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilpensionati. Le prime assemblee si terranno martedì 16 luglio alle ore 10 ad Adrano e, alle 17 a Paternò

Da martedì 16 luglio, assemblee e volantinaggi davanti alle sedi municipali dei comuni della provincia. Continua così la campagna di protesta indetta dai Cgil, Cisl, Uil con le federazioni dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilpensionati, a difesa dei servizi sociali e degli interessi dei cittadini. La manifestazione si svolge a livello regionale e le prime assemblee si terranno, alle 10, ad Adrano e, alle 17, a Paternò.

"Il presidente Crocetta – dicono i segretari generali provinciali Angelo Villari (Cgil), Rosaria Rotolo (Cisl), Angelo Mattone (Uil), Nicoletta Gatto (Spi-Cgil), Marco Lombardo (Fnp-Cisl) e Franco Prezzavento Uilpensionati - si intesti la vera rivoluzione che il sindacato confederale chiede per contrastare la povertà e il disagio sociale".

"La crescente povertà, la pesante perdita di posti di lavoro, l’insistente recessione e le notevoli difficoltà finanziarie che stanno attraversando i Comuni – continuano - deve indurre la Regione ad avviare un concreto confronto sulle azioni da fare per contrastare la forte crisi e dare un consistente aiuto e servizi adeguati a coloro che vivono il disagio sociale".

Cgil, Cisl, Uil, Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilpensionati non accettano che delle politiche sociali della Regione si continui a fare un autentico “bancomat elettorale”; che non vi sia un’attenta “regia” che convogli la spesa in termini di priorità, efficacia e contrasto agli sprechi; l’assenza di una attenta riqualificazione delle risorse messe in campo dalla Comunità Europea con i fondi di Coesione Sociale.

Cgil, Cisl, Uil, Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilpensionati denunciano l’inadeguatezza del programma triennale 2013-2015 dei “piani di zona” sulle politiche sociali e sanitarie, proposto dall’assessore regionale Bonafede, nell’affrontare i problemi più brucianti della povertà, della non autosufficienza, dell’handicap, dei pesantissimi disagi delle famiglie siciliane e di quanti sono a rischio di emarginazione sociale.

Al presidente della Regione siciliana, Cgil, Cisl, Uil, Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilpensionati chiedono di aprire un confronto immediato con il sindacato sulle politiche sociali e sanitarie, per definire un accordo condiviso, realistico, efficace e innovativo, che dia priorità ai bisogni reali e concreti alle famiglie e ai soggetti più deboli della società.

In mancanza di una immediata convocazione, i sindacati continueranno le manifestazioni di protesta in tutto il territorio regionale a difesa degli interessi dei cittadini.

A seguire il calendario delle altre assemblee in provincia di Catania: mercoledì 17 luglio, alle 10 a Caltagirone e alle 17 a Gravina di Catania; giovedì 18 luglio, alle 10, a Giarre e, alle 17, ad Acireale. Venerdì 19 luglio, alle 9,30, davanti alla Prefettura di Catania si terrà una conferenza stampa.
 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizi sociali, campagna di assemblee e volantinaggi davanti ai municipi

CataniaToday è in caricamento