Servizio taxi nelle vie della prostituzione, arrestati due bulgari

Una prostituta bulgara veniva prelevata dalla propria abitazione ed accompagnata in auto in Viale Africa, venendo poi riportata a casa in tarda nottata, dopo aver consumato le prestazioni con alcuni clienti

La scorsa notte, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Acireale e quelli della Stazione di Aci Catena hanno tratto in arresto D.S.M. e S.A.M., cittadini bulgari di 40 e 33 anni ma domiciliati ad Aci Catena, per favoreggiamento della prostituzione.

L’attività investigativa svolta ha permesso ai militari di raccogliere inconfutabili elementi in merito all’agevolazione dell’attività di meretricio di una loro connazionale. La stessa, in particolare, dietro il pagamento di una quota in denaro, veniva prelevata dalla propria abitazione ed accompagnata in auto in Viale Africa a Catania, venendo poi riportata a casa in tarda nottata, dopo aver consumato le prestazioni con alcuni clienti.

I due erano soliti accompagnare la connazionale nelle vie immediatamente limitrofe al luogo di prostituzione, modificando poi quello di recupero, così da non destare alcun sospetto: in realtà, grazie agli accertamenti svolti, è stata dimostrata la sistematicità con cui veniva garantito questo “servizio taxi” alquanto anomalo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento