Le catanesi "se la tirano", on line le più difficili da conquistare

Secondo un recente studio del social network Badoo, in Sicilia le femmine etnee sono le più reticenti a cedere al corteggiamento. Mentre a livello nazionale si piazzano al quinto posto. Prime le napoletane

Alzi la mano chi non c’ha mai “provato” attraverso un social network. Una frase maliziosa, una battuta con doppio senso o più semplicemente un complimento durante una chat. Tutti metodi per cercare di conquistare una ragazza dall’altro lato del pc, magari per “guadagnare” un appuntamento. Ebbene, a quanto pare i ragazzi catanesi sono i più sfortunati.

O quantomeno quelli che si devono impegnare di più. Perché da un recente studio condotto da Badoo, il famoso social network con 165 milioni di iscritti, pare che le catanesì siano in Sicilia le più difficili da conquistare on line. Quinta posizione, subito dopo Palermo. Mentre a livello nazionale al primo posto ci sono le napoletane.

Insomma, la diffidenza meridionale – stando a questo studio – non viene smentita. La classifica è stata stilata sulla base di uno studio sulle reazioni femminili al corteggiamento in chat. La ricerca ha riguardato le dieci maggiori città italiane, con l'analisi di 147 milioni di interazioni on line a livello mondiale, di cui 26 milioni solo in Italia. A livello europeo, dallo studio di Badoo emerge che le francesi sono le più reticenti a cedere al corteggiamento on line, seguite dalle britanniche e dalle tedesche, mentre le italiane si classificano in quinta posizione assieme a portoghesi e polacche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento