Settimana europea riduzione rifiuti, a Gravina "gara della differenziata" con Dusty

Giovedì 21 novembre, Istituto Giovanni Paolo II (Via San Paolo, 109), alla classe che avrà conferito di più all'Isola ecologica, Dusty darà dei quaderni personalizzati

"Conosci, Cambia, Previeni" è lo slogan scelto quest'anno dal Comitato promotore nazionale della SERR (Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti) composto da CNI Unesco, Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Utilitalia, Anci, Città Metropolitana di Torino, Città Metropolitana di Roma Capitale, Legambiente, Regione Siciliana e AICA. Un appuntamento cui la Dusty pone attenzione anche per la città di Gravina di Catania.

E giacché quest'anno avrà come tema centrale "Educare alla riduzione dei rifiuti", l'iniziativa che promuoverà, sarà "La gara della differenziata... vinca chi differenzia di più!". Giovedì 21 novembre, Dusty ha indetto una competizione tra le classi della primaria dell'I.C. Giovanni Paolo II di Gravina di Catania (plesso di Via San Paolo n. 109), per favorire il conferimento dei rifiuti differenziati. La classe che avendo conferito di più all'Isola ecologica mobile (allestita vicino la scuola) tra le frazioni organico, carta e cartone, plastica, metalli, vetro e RAEE, vincerà la gara aggiudicandosi il quaderno scolastico della Dusty (premio che sarà dato ad ogni componente della classe/squadra).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'iniziativa è nata allo scopo di trasmettere alle nuove generazioni le regole fondamentali del rispetto e della salvaguardia dell'ambiente, partendo dai rifiuti differenziati, trasformando il tutto in una simpatica e accattivante gara. Un modo giocoso per affrontare il delicato tema dello stato di salute dei nostri mari, che soffrono maggiormente i danni, spesso irreparabili, per la presenza sui fondali di materiale plastico altamente nocivo indistruttibile per l'ambiente marino e di riflesso, anche per la specie umana, che si ciba degli esseri viventi che li popolano. Per tutelare le residue possibilità di ristabilire l'equilibrio ambientale, è fondamentale che tutti, assumano atteggiamenti di consapevole responsabilità, inducendo i più giovani al cambiamento culturale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento