Sfruttavano giovani migranti come prostitute, presi tre nigeriani

Il provvedimento è stato emesso dalla dda di Catania dopo le dichiarazioni rese da una cittadina nigeriana minorenne

Tre nigeriani sono stati tratti in arresto per associazione a delinquere, tratta di persone con l’aggravante della transnazionalità e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, con sfruttamento della prostituzione. Il provvedimento è stato emesso dalla dda di Catania dopo le dichiarazioni rese da una cittadina nigeriana minorenne, giunta al porto etneo al termine di uno dei tanti viaggi della speranza.

Era poi stata "venduta" ad una organizzazione di sfruttatori e liberata dalla schiavitù della prostituzione grazie all’aiuto della rete di protezione italiana. I tre hanno poi fatto arrivare in Italia altre giovani vittime da immettere nel circuito della prostituzione su strada in provincia di Bologna, sottoponendole a rito vodoo per intimorirle.

Intuendo che le autorità stessero per scoprire il tutto, uno dei tre arrestati, già colpito da provvedimento di espulsione, progettava di fuggire in Svezia. Nel corso dell'anno sono già 25 i cittadini nigeriani arrestati con l'accusa di tratta di esseri umani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento