Sfruttavano braccianti agricoli togiendo loro documenti: sei arresti

La banda toglieva loro i documenti di identità e li teneva in condizione di totale isolamento sia dal loro Paese sia nella località nella quale erano arrivate

Lucian Milea, di 40 anni, Monica Iordan, di 31, Marian Munteanu, di 31, Alice Oprea, di 31, e Marian Oprea, di 37, sono le persone fermate nell'ambito dell'operazione "Boschetari", messa in atto dalla polizia contro lo sfruttamento dei braccianti agricoli romeni. Il provvedimento di fermo è stato adottato anche nei confronti di un sesto connazionale, che non è stato ancora rintracciato sul territorio nazionale.

Sfruttavano romeni bisognosi

L'operazione della squadra mobile di Ragusa, coordinata dalla Procura distrettuale di Catania, è stata denominata "boschetari", senzatetto in romeno, perché la banda curava il reclutamento in Romania, il trasferimento in Italia e l'immissione nel settore del lavoro agricolo di numerosi connazionali, tutti scelte tra persone in stato di estremo bisogno, analfabete o appena capaci di leggere e scrivere. Secondo quanto accertato sarebbero state 13, tra cui quattro minorenni, le vittime del traffico di esseri umani gestito dalla banda.

Prostituzione e lavoro nero

La banda toglieva loro i documenti di identità e li teneva in condizione di totale isolamento sia dal loro Paese sia nella località nella quale erano arrivate. Milea e Iordan sono gravemente indiziati di associazione a delinquere finalizzata al traffico di esseri umani a scopo di sfruttamento lavorativo e di traffico di esseri umani ai danni di connazionali, alcuni dei quali minorenni, oltre che di sfruttamento pluriaggravato della prostituzione, anche minorile. Gli altri tre sono accusati di traffico di esseri umani commesso a scopo di sfruttamento lavorativo. Alle dichiarazioni del romeno che ha permesso di dare il via all'inchiesta, nel 2017, si erano aggiunte quelle di un altro connazionale, sempre alla polizia di Ragusa. Il gruppo avrebbe goduto anche del contributo di diversi connazionali in Italia e in Romania.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Botte per chi si ribellava

La banda reagiva con violenza nei confronti delle vittime che avevano tentato la fuga ed i connazionali che non si volevano piegare al suo volere. I fermi sono stati convalidati prima dal Gip di Ragusa e poi dal Giudice per le indagini preliminari di Catania: entrambi hanno anche emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere per i cinque indagati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento