rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca

Sgombero di piazza della Repubblica, interviene la Caritas: "Si trovi una soluzione dignitosa"

"Teniamo aperti i nostri cuori per accogliere le complessità dei senza dimora. Le richieste di chi vive per strada - spiega la Caritas etnea, diretta da don Piero Galvano - spesso vanno oltre l’accoglienza e un tetto"

Lo sgombero dei giorni scorsi dei senza fissa dimora che da tempo abitavano in ripari di fortuna costruiti nei pressi di piazza della Repubblica ha alimentato in questi giorni il dibattito da parte di esponenti politici e della società civile. Sulla questione interviene adesso anche la Caritas, da sempre in prima fila sul supporto agli ultimi della città.

"Come esseri umani - si legge nella nota dai toni riflessivi inviata in redazione - ci tocca spingerci più in profondità per sondare la nostra coscienza: ci sono persone che dormono in strada perché hanno fatto questa scelta di vita, altre perché nessuno li vuole a casa per problemi psichici, altre ancora che pur cercando un posto letto non lo trovano, altre che per motivi diversi non accettano le convenzioni del vivere comune, ma sono sempre persone, in stato di disagio e povertà, che vanno aiutate e rispettate. Considerando, ovviamente, le ragioni del decoro e le necessità igienico sanitarie di tutti, dei residenti e dei senza dimora, come Caritas siamo costretti a percorrere la via difficile che ci impone di ragionare su quelle complicate questioni che riguardano la tutela dei diritti fondamentali delle persone e della dignità di ogni uomo e di ogni donna, anche quando diventa più difficile farli emergere. Anche quando chi dovrebbe reclamarli si lascia scivolare nell’anonimato di un giaciglio, preferendo la vita in strada alla 'comodità' di un tetto. Non dobbiamo fermarci di fronte al rifiuto di una vita in una struttura né alla complessità dei problemi che affliggono i senza dimora e dobbiamo proseguire nel tentare di dare voce e di proporre soluzioni per i poveri, per gli ultimi, per coloro che non possono parlare, perché, al contrario, la loro emarginazione o, peggio ancora, la loro riduzione a un concetto, a un luogo comune, sarebbe la sconfitta della politica e dell’umanità".

Infine, don Piero Galvano, direttore della Caritas Diocesana di Catania, ha sottolineato che "come la sofferenza del popolo ucraino, in questi giorni, attraverso i mass media, è giunta fino a noi sollecitandoci ad aprire le porte dell’accoglienza e ad escogitare anche piani di intervento straordinari, allo stesso modo non possiamo chiudere il cuore ai poveri della nostra Città. Che interpellano i nostri amministratori comunali e la sensibilità dei concittadini con altrettanta urgenza e sofferenza, affinché si trovi una dignitosa soluzione, rispettosa delle loro esigenze, secondo la logica dell’inclusione sociale".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgombero di piazza della Repubblica, interviene la Caritas: "Si trovi una soluzione dignitosa"

CataniaToday è in caricamento