rotate-mobile
Cronaca Civita / Via Etnea

'La Sicilia spegne le insegne', l'iniziativa di Fipe Confcommercio contro il caro bollette

Da Spinella a Savia fino ai panificatori e ai supermercati, anche Catania ieri sera è rimasta al buio. I commercianti hanno spento le proprie insegne luminose in segno di protesta contro i rincari dell'energia elettrica, ma le soluzioni sono lontane dall'essere individuate

Il caro bollette mette a dura prova i titolari di bar e ristoranti, oltre che le famiglie. Le bollette di luce e gas aumentano vertiginosamente e i rincari si riversano in gran parte sui consumatori finali. Anche se questa, per molti commercianti e ristoratori catanesi, non è la soluzione. Il rischio è la chiusura delle attività. Ad aggravare il quadro c'è anche il caro gasolio. Quattro tra i personaggi di spicco del mondo imprenditoriale etneo spiegano i propositi dell'iniziativa 'La Sicilia spegne le insegne', il progetto promosso da Fipe Confocommercio a cui si sono aggiunti i panificatori e alcuni supermercati siciliani per mostrare la propria solidarietà a famiglie e imprese. 

"Quindicimila aziende stasera (ieri sera per chi legge, ndr) staccheranno le proprie insegne - spiega il presidente di Fipe Confcommercio Sicilia Dario Pistorio - perché non riusciamo a pagare le bollette della luce, il rischio è il licenziamento di un numero di dipendenti che va dalle 15 alle 18mila persone". Se le grandi imprese riescono a tenere botta, le piccole e medie imprese sono al collasso. "I piccoli - continua Pistorio - non riescono più ad avere accesso in banca né riescono a usufruire delle rateizzazioni delle ditte energetiche, non sappiamo più come andare avanti".

Non solo protesta ma anche proposte, è il proposito dell'iniziativa organizzata ieri sera."Prima di tutto - prosegue Pistorio - bisogna dotare di liquidità gli imprenditori, inoltre è necessario crare delle vere e proprie comunità energetiche e infine tagliare il caro prezzo dell'energia che dovrebbe necessariamente diminuire nei prossimi mesi, perché non avendo più accesso al credito il rischio è che si ricorra alla criminalità organizzata". Nel mirino di Confcommercio c'è la gestione delle sanzioni alla Russia per la guerra in Ucraina. "Queste non stanno servendo a nulla". Ne è sicuro il presidente bar e pasticcerie di Confcommercio Catania Saro Menza. "È necessaria una riflessione seria e attenta sulle sanzioni - dice Menza - la Russia ha bloccato le forniture di gas e petrolio, una scelta prevedibile dopo l'irrogazione delle sanzioni". Ma il dubbio è se sia ancora la scelkta giusta. "Stiamo pagando più noi o la Russia - è la provocazione di Menza - e chi ci sta speculando?". 

All'iniziativa aderiscono anche due dei più noti bar etnei come Spinella e Savia. "È una scelta dolorosissima quella di spegnere le luci - afferma Sandro Di Mauro della pasticceria Spinella - e nasconde un problema più grande: quello di chiudere le attività e mandare a casa i nostri dipednenti". Rispetto all'anno scorso le bollette aumentano più del doppio. "Siamo passati dai 9mila euro ai 22mila e ad agosto arriveranno a 30mila euro", lamenta Di Mauro. "Tra 15 giorni non sapremo di cosa vivere e a chi vendere - conclude - perché il catanese non potrà più spendere e consumare i nostri prodotti e aumentare i prezzi sarebbe solo uno specchietto per le allodole".

Medesima posizione quella di Claudio Lombardo della pasticceria Savia. "La chiusura è ormai imminente, il costo delle materie prime è quadruplicato se non addirittura quintuplicato - commenta - abbiamo chiesto aiuto alla politica ma nemmeno in periodo di campagna elettorale si smuove qualcosa". Sebbene il Comune di Catania abbia dato man forte alle attività e in segno di solidarietà abbia spento le luci di piazza Duomo, "tra poco arriveremo al collasso", conclude Lombardo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'La Sicilia spegne le insegne', l'iniziativa di Fipe Confcommercio contro il caro bollette

CataniaToday è in caricamento