Giovane rumeno morto dopo sparatoria, sigilli alla discoteca "York"

Il locale che svolgeva attività di discoteca, formalmente sarebbe dovuto essere la sede di un'associazione culturale

La notte tra sabato 8 e domenica 9 gennaio una rissa all’interno della discoteca “York” di via Scuto Costarelli si è trasformata in tragedia: un giovane rumeno, ferito a colpi d’arma da fuoco, ha perso la vita, mentre un’altra persona di nazionalità marocchina è rimasta ferita in modo meno grave.

Grazie alle indagini svolte dai Carabinieri, è stato possibile far risalire la morte del giovane rumeno a un episodio precedentemente verificatosi all’interno del locale e che poi è degenerato in una sparatoria.

Il locale che svolgeva attività di discoteca, formalmente sarebbe dovuto essere la sede di un’associazione culturale. Il questore di Catania Marcello Cardona ha disposto nei confronti del titolare della discoteca “York” i dovuti accertamenti di carattere amministrativo, grazie ai quali è stato adottato il provvedimento di chiusura temporanea del locale.

Si tratta di un provvedimento che tende, fra l’altro, a tutelare quanti possano trovarsi a frequentare un locale al cui interno non siano stati garantiti sufficienti livelli di sicurezza. Lo York chiuderà i battenti per 30 giorni, ma non finisce qui. Vietata anche l’attività di discoteca, esercitata fino ad oggi in maniera del tutto abusiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento