Sigonella, le prime “vittime”: 200 passeggeri dirottati su Palermo

Disagi per i viaggiatori del volo proveniente da Roma. A rendere noto l'accaduto è il Codacons il quale denuncia anche la mancata accoglienza all'aeroporto Falcone - Borsellino

Disagi a Sigonella, l’aeroporto militare che sta sostituendo per un mese Fontanarossa. Nella terza giornata si sono registrare le prime vittime. I 200 passeggeri del volo Alitalia AZ1735, partenza da Roma Fiumicino atterraggio Catania Sigonella, sono stati dirottati a Palermo e, intorno alle 4.30 del mattino sono finalmente giunti a destinazione.

LEGGI ANCHE. ENAC: "MOTIVI DI SICUREZZA"

Lo rende noto il Codacons precisando che “il volo, infatti, è stato improvvisamente dirottato su Palermo, dopo 40 minuti in cui si è sorvolato il capoluogo etneo, perché “il parcheggio degli aerei di Sigonella era pieno e, altri 4 apparecchi avevano la priorità d’atterraggio. A quel punto l’aeromobile – si legge ancora nella ricostruzione fornita dall’associazione dei consumatori – in penuria di carburante, come riferisce un passeggero, ha dovuto necessariamente effettuare l’atterraggio a Palermo, tra le mille proteste dei passeggeri italiani e l’incredulità degli stranieri”.

Il Codacons denuncia, inoltre, la mancata accoglienza all’aeroporto per gli smarriti passeggeri “i pullman per ritornare a Catania sono arrivati in tempi diversi, facendo sì che i più fortunati potessero essere a Catania per le 3 del mattino e i meno fortunati anche oltre le 4.30 di notte”.

Secondo l’avvocato Giovanni Petrone, presidente regionale del Codacons, che annuncia oggi l’invio di un esposto all’Enac, si tratta di un fatto gravissimo, preludio di enormi possibili altri disagi per i prossimi voli in programma nel periodo di chiusura delle piste.

“I responsabili di tanta disorganizzazione e confusione – afferma – dovrebbero essere sostituiti da gente più competente, poiché la chiusura della pista era in programma da tempo e che i voli sono a loro volta programmati secondo orari specifici. Non è tollerabile né che non sia stato consentito l’atterraggio su Catania, né che la gente sia stata costretta a passare buona parte della notte in giro o in pullman, senza nessuna assistenza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Via Capo Passero, agguato a un 33enne gambizzato davanti casa

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

  • Duro colpo ai Brunetto: le dinamiche del clan tra estorsioni, minacce e pestaggi

  • Ritrovato al Maas lo squalo Mako: denunciato il commerciante

  • Coronavirus, in Sicilia tre nuovi casi: +1 nella provincia etnea

  • Sequestrate 15mila bombole di gpl pericolose a una coppia di catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento