Atterra a Catania con una carta d'identità rubata, arrestato siriano

Qualche giorno fa, era riuscito ad imbarcarsi su un volo da Atene e diretto a Catania, con l’intento di raggiungere il fratello a Monza

Con un documento risultato rubato, voleva farsi passare per italiano e raggiungere il fratello che vive nel nord Italia. Si è interrotto a Messina il viaggio di un giovane siriano arrestato dagli agenti della Polfer. Qualche giorno fa, era riuscito ad imbarcarsi su un volo da Atene e diretto a Catania, con l’intento di raggiungere il fratello a Monza.

Il viaggiatore siriano è stato anche sottoposto a perquisizione personale che ha portato al ritrovamento nel proprio zaino del biglietto aereo. Il ventitreenne è stato fermato dagli agenti della polizia ferroviara a bordo del treno Intercity notte in servizio sulla tratta Siracusa-Roma. Gli agenti stava facendo dei controlli nell’ambito dei servizi di vigilanza della locale stazione, predisposti per prevenire e reprimere eventuali azioni criminose in ambito ferroviario.

Ad insospettire i poliziotti è stata la circostanza che il giovane, pur non parlando italiano ha presentato, per l’identificazione, una carta d’identità rilasciata dal Comune di Bologna su cui erano riportate generalità di un cittadino italiano. Il ragazzo è stato quindi portato in ufficio per accertamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' emerso che, per quel documento di riconoscimento, a marzo 2019, era stata presentata una denuncia di furto nel capoluogo emiliano. Di fronte alle evidenze, e grazie all’aiuto di un interprete di lingua araba, ha finalmente dato le proprie generalità e spiegato come fosse venuto in possesso della carta d’identità, acquistata da un connazionale al mercato nero in Grecia, per 3.500 euro. Il giovane extracomunitario è stato quindi arrestato per il reato di possesso di documento di identificazione falso e di provenienza furtiva e, su disposizione del magistrato di turno, processato per direttissima. E' stato condannato a 2 anni, pena sospesa, e 700 euro di multa. La carta d’identità ed il biglietto aereo, invece, sono stati sequestrati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente autonomo in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

  • Coronavirus, commercialista di Biancavilla morto al San Marco

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento