Un sms contro lo spaccio di stupefacenti e il bullismo nelle scuole

Presentato il progetto "Sms per attività di prevenzione e contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e dei fenomeni di bullismo nell’ambito scolastico" istituito dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza. Si potrà inviare gratuitamente un sms per segnalare gli episodi delittuosi rilevati all’interno delle scuole

Presentato il progetto “Sms per attività di prevenzione e contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti e dei fenomeni di bullismo nell’ambito scolastico” istituito dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza, a seguito di precise direttive del Ministro dell’Interno, che in un’unica utenza telefonica “43002” per l’intero territorio nazionale, verso la quale gli utenti interessati (studenti, genitori, insegnanti, ecc…) potranno inviare gratuitamente un sms per segnalare gli episodi delittuosi rilevati all’interno delle scuole e nelle immediate vicinanze, che possano vedere coinvolti come vittime o autori gli studenti.

In particolare, è stato sottolineato il valore aggiunto costituito da una mobilitazione che coinvolga tutte le componenti interessate, a partire dalle famiglie e dal mondo della scuola.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il messaggio dovrà contenere all’inizio l’indicazione della provincia nella quale si è verificato l’evento da segnalare; nel caso in cui l’ sms sia carente di tale indicazione, il sistema prevede l’invio automatico al segnalante di un messaggio di risposta con il quale sarà richiesto questo specifico elemento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento