Sorvegliato speciale pretende cure immediate al pronto soccorso: denunciato

L'uomo era in stato di alterazione psicofisica dovuta all'alcol. In tasca aveva un coltello a serramanico

I carabinieri della compagnia di Paternò hanno denunciato un pregiudicato di 53 anni del posto, ritenuto responsabile di violazione degli obblighi inerenti la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza e di porto ingiustificato di arma bianca.

L’uomo, la scorsa notte, in stato di alterazione psicofisica dovuta all’abuso di alcol, si è presentato al pronto soccorso del locale nosocomio dove ha iniziato a minacciare verbalmente il personale sanitario reo di non ammetterlo immediatamente a visita. I medici, che non riuscivano a calmare il soggetto, hanno chiesto aiuto al 112 che ha immediatamente consentito l’intervento di una pattuglia del Nucleo Radiomobile che è riuscita a bloccare il sorvegliato. L’uomo, sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico con una lama lunga circa 7 centimetri, sottoposto a sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento