Sospetta intossicazione da botulino per 10 operai, antidoto trovato a Catania

Sospetta intossicazione da botulino per almeno dieci operai del raddoppio ferroviario Palermo-Messina dopo aver pranzato alla mensa: l'antidoto reperito in un ospedale di Catania

Sospetta intossicazione da botulino per almeno dieci operai del raddoppio ferroviario Palermo-Messina dopo aver pranzato alla mensa. Ieri nel primo pomeriggio l'arrivo dei primi pazienti al pronto soccorso della Fondazione Giglio di Cefalù con sintomi di avvelenamento da botulino. I medici del Giglio, attraverso il Centro antiveleno di Pavia, hanno richiesto l'antidoto reperito in un ospedale di Catania. I campioni dei primi pazienti giunti in pronto soccorso sono stati inviati all'Istituto Superiore di Sanita' di Roma per la ricerca della sostanza tossica e la conferma della diagnosi.

Nel corso del pomeriggio e in serata sono continuati ad arrivare altri pazienti al Giglio. Ieri sera erano gia' nove. Tre operai con sintomi più seri sono stati trasferiti in terapia intensiva a Termini Imerese dove vi era la disponibilita' di posti letto. Sei sono rimasti in osservazione al pronto soccorso del Giglio. Sono continuati ad arrivare nella notte altri pazienti e stamattina erano gia' piu' di 10. La diagnosi sara' confermata dall'Istituto superiore di sanita'.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

Torna su
CataniaToday è in caricamento