Sosta notturna in centro, ecco le nuove regole

Domani l'entrata in vigore. Dalle 21 alle 2 il costo totale sarà di 1 euro. Le nuove regole saranno valide per ogni sera della settimana

"La prima iniziativa che propone la nuova dirigenza di Sostare è una drastica riduzione del costo della sosta notturna nel centro storico". Così il sindaco di Catania Enzo Bianco ha annunciato la novità nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta questa mattina alla quale hanno partecipato il presidente della Sostare Luca Blasi, il comandante del corpo dei vigili urbani Pietro Belfiore, il capo di gabinetto del Sindaco Beppe Spampinato, i consiglieri comunali Carmelo Coppolino e Agatino Lanzafame.

La sosta notturna inizierà domani, venerdì 7 ottobre 2016, e sarà una misura definitiva valida per tutte le sere festive o feriali che siano. "Con questa decisione - ha continuato Bianco - vogliamo lanciare due precisi segnali: uno, i ragazzi devono essere liberi di parcheggiare la macchina di notte nel centro storico con una tariffa vantaggiosa che sarà di 1 euro dalle 21 alle 2; due, combattere la piaga insopportabile dei parcheggiatori abusivi. Una piaga che va combattuta con tutti i mezzi. Come Presidente del Consiglio Nazionale dell'Anci ho chiesto sanzioni più efficaci rispetto alle attuali che si limitano a quelle pecuniarie. Oltre a ciò sono state messe in atto politiche di risparmio da parte dell'aziende".

Sulla sosta notturna Manlio Messina, consigliere di Fratelli D'Italia ha affermato: " Ricordiamo che l'amministrazione aveva previsto un contratto nel quale la sosta notturna era di 50 centesimi l'ora a partire dalle 20. L'emendamento per la riduzione ad 1 euro e lo spostamento dell'orario è stato presentato anche da noi di FdI proprio perché ritenevano tale sosta notturna un salasso per i cittadini. Quindi il merito della riduzione è esclusivamente del consiglio comunale.” Lo dichiara il consigliere Manlio Messina, coordinatore provinciale Fratelli d'Italia-An, sulle nuove regole della sosta notturna presentate questa mattina. “Aggiungo che l'insegna presentata non rispetta ciò che è stato deliberato dal consiglio comunale in quanto tali insegne devono essere luminose così come previsto sempre da un nostro emendamento. Questa mancanza potrebbe comportare l'annullamento dei verbali sollevati la notte. Fermo restando la nostra totale contrarietà a questi aumenti e a questo nuovo contratto di servizio che prevede solo costi per i cittadini e nessun servizio. L'unico beneficio – conclude - è per le casse del comune e della partecipata che da anni ormai grazie a Bianco chiudono sempre in negativo.”

Il sindaco Bianco ha anche ricordato che, nonostante il recente aumento della tariffa oraria da 75 a 87 centesimi, la Catania resta la città meno cara d'Italia. A Palermo la tariffa è di un euro. A Roma il prezzo fuori la zona a traffico limitato è di un euro; venti centesimi in più per quella interna. A Milano si va da 80 centesimi a un euro e 20 anche nei giorni festivi. A Torino, nella zona centrale, il costo è di due euro e 50. La proposta relativa alla nuova tariffa notturna era stata lanciata, durante l'approvazione del contratto di servizio di Sostare, dai consiglieri Lanzafame e Coppolino come primi firmatari.

La precedente tariffa era di 50 centesimi l'ora ed era in vigore dalle 21 alle 3 e quindi il costo totale di una sosta notturna ammontava infine a 3 euro. Con le nuove tariffe sarà invece di 1 euro con un orario di sosta che parte dalle 21 e arriva alle 2. Si tratta di una misura definitiva valida per tutte le sere festive o feriali che siano.

Vie e piazze interessate sono: piazza Manganelli, via Sangiuliano (da via VI aprile e via Manzoni), piazza Gandolfo, via Terranova, via Paternò, via San Michele, Via Manzoni, via Gambini (da via Puccini a piazza Stesicoro compreso lo slargo), piazza della Repubblica, corso Sicilia (da piazza Stesicoro a piazza della Repubblica), slargo Banco di Roma, via Luigi Rizzo (da via Di Prima a corso Sicilia), via Di Prima, piazza Turi Ferro, via Santa Maria di Betleem, via Puccini (da via Sturzo a corso Sicilia), via Ventimiglia (da corso dei Martiri a via Sangiuliano), via Sturzo (da via Puccini a via Fischetti), via Fischetti (da via De Curtis a corso dei Martiri), via De Curtsi, via Sada (da via Di Prima a via Sturzo), largo Paisiello, via Beato Bernafdo, via Cimarosa, via Santa Maria la Grande (da via Cimarosa a piazza San Domenico), piazza San Domenico, via S. Euplio (da piazza della Borsa a viale Regina Margherita), via Dusmet, piazza Duca di Genova, via Museo Biascri, via Vittorio Emanuele II (da piazza dei Martiri a via S. Agata), piazza Pietro Lupo, piazza Majorana, via Cappuccini, via Coppola (da via Sangiuliano a piazza Turi Ferro ex Spirito Santo).

Gli stalli previsti sono 1209. "Per quanto riguarda il contenimento delle spese - ha spiegato Blasi - abbiamo provveduto ad un nuovo sistema del recupero delle penali che, con un appalto esterno, prima costava 170 mila euro l'anno, ridotto adesso a 6 mila euro, con un risparmio netto di grazie all'internalizzazione del servizio con utilizzo personale interno e la creazione di un Ufficio Contenzioso. L'azione dell'azienda non deve essere vista come una mera tassazione ma come un servizio nei confronti della città". Nel dettaglio i costi di recupero delle penali, a fronte dei 6 mila euro attuali, sono stati nel 2014 172.379,47 euro, nel 2015 162.053,75 e nei primi sei mesi 76.133,68.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento