Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca Corso Italia / Corso Italia

Sosta selvaggia e parcheggiatori abusivi, ancora sanzioni in corso Italia

Nell’arco del servizio sono state contestate ben 74 infrazioni al codice della strada. Sequestrati a due guardamacchine i proventi dell'attività illegale

Continua l'attività dei controlli in città, secondo le direttive emanate dal prefetto Claudio Sammartino e disposte con ordinanza del questore Mario Della Cioppa. Alle donne e agli uomini della polizia, si sono affiancati i militari dei carabinieri e gli agenti della polizia Locale che hanno distintamente presidiato la zona di corso Italia, tra piazza Verga e via Martino Cilestri, e di piazza Europa. Le forze dell'ordine sono così intervenute per  indurre al rispetto delle basilari regole di legalità che, purtroppo, troppo spesso vengono prepotentemente ignorate da automobilisti sprezzanti di ogni altrui diritto: parcheggi in doppia o tripla fila, sui marciapiedi, in corrispondenza di strisce pedonali o accessi per disabili, rappresentano la spregiudicatezza di comportamenti e l'inciviltà. 

Nell’arco del servizio, sono state contestate ben 74 infrazioni al codice della strada, delle quali 59 per l’irregolare sosta dei veicoli e non sono mancati 3 veicoli sequestrati per la mancata copertura assicurativa. Anche sul fronte del contrasto ai posteggiatori abusivi, l’azione non accenna a diminuire, infatti proprio la pianificazione dei controlli ha prodotto un positivo riscontro e un’efficace trasmissione del messaggio di rientro nei canoni di legalità di quanti fino ad oggi, con il connivente contributo di alcuni automobilisti smaccatamente incuranti, hanno pensato di poter 'esercitare' un potere illegittimo e illegale sul suolo pubblico.

Grazie all’intervento delle Volanti, infatti, sono sanzionati in piazza Giovanni Verga e in viale Alcide de Gasperi due guardiamacchine, sanzionati amministrativamente con il contestuale sequestro delle somme illecitamente guadagnate. In piazza Mancini Battaglia, un altro parcheggiatore, A.I. cittadino dello Zimbawe, durante il controllo degli uomini della Volante, si è beccato una denuncia per i reati di resistenza a P.U. e rifiuto di dare indicazioni sulla propria identità personale. Ai poliziotti che gli hanno chiesto i documenti, infatti, l’uomo ha risposto con reticenza, opponendo un’energica resistenza fisica al controllo. Condotto in questura e indagato, anch’egli è stato sanzionato amministrativamente per l’illecita attività.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sosta selvaggia e parcheggiatori abusivi, ancora sanzioni in corso Italia

CataniaToday è in caricamento