rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca San Berillo

Il sottosegretario di Stato Molteni visita San Berillo e il X reparto mobile della polizia

“Una visita significativa anche da un punto di vista emotivo – dichiara Nicolò Molteni- Rimane impressionante vedere come in una città bella e importante, una città metropolitana come Catania, ci possa essere all'interno del centro storico, un'area totalmente sottratta al controllo dello Stato"

Nel primo pomeriggio di ieri, 28 marzo, il sottosegretario di Stato Nicolò Molteni ha visitato il quartiere di San Berillo e il X reparto  obile della polizia di Stato, su invito del segretario provinciale di Catania del sindacato di polizia Movimento dei poliziotti democratici e riformisti e il Vice Questore Marcello Rodano.

“Una visita significativa anche da un punto di vista emotivo – dichiara Nicolò Molteni- Rimane impressionante vedere come in una città bella e importante, una città metropolitana come Catania, ci possa essere all'interno del centro storico, un'area totalmente sottratta al controllo dello Stato". "Un’area totalmente in mano all'illegalità e al degrado. Io voglio ringraziare le forze di polizia e le forze dell'ordine che con impegno, con costanza, con determinazione, tentano di circoscrivere tutte le forme di illegalità che si verificano in questo quartiere", continua Molteni. "Credo che compito dello Stato, compito delle istituzioni, compito delle istituzioni, anche locali, sia quello di investire in sicurezza urbana, investire nella riqualificazione di aree abbandonate e degradate, perché credo che il senso di civiltà di un paese, di un territorio importante come quello di Catania si ritrovi anche nel tentativo di recuperare aree come queste, che sono un simbolo di illegalità, di violenza, di spaccio che non fanno ovviamente onore a Catania da un lato e all'Italia, dall'altro lato”, conclude il Sottosegretario di Stato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sottosegretario di Stato Molteni visita San Berillo e il X reparto mobile della polizia

CataniaToday è in caricamento