Spacciatori di crack e coca scappano dai carabinieri: "Ci su i vaddia!"

Lanciando un urlo in tipico dialetto catanese, una vedetta ha allertato i complici che si sono messi in fuga

I carabinieri di Piazza Dante hanno arrestato i catanesi Santo Musumeci, Sebastiano Scalia e Marco Aiello per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. Si erano piazzati all’angolo tra le vie Pozzo Mulino e Croce e, con ruoli ben definiti, accoglievano i loro clienti. I militari del nucleo operativo hanno deciso di intervenire e sono stati avvistati da una vedetta che, lanciando un urlo in tipico dialetto catanese "i vàddia, i vàddia!" (le guardie), ha allertato i complici che si sono messi in fuga.

Bloccati i tre soggetti, i carabinieri si sono impegnati nella ricerca di una custodia per occhiali, contenente all’interno circa 50 grammi di cocaina e 40 grammi di crack. La droga è stata sequestrata, mentre gli arrestati, in attesa della direttissima, sono stati relegati agli arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale, auto si schianta contro spartitraffico: 4 morti

  • Strage dopo una serata in discoteca, nessuno indossava la cintura di sicurezza

  • Operazione dei carabinieri contro capi clan e affiliati dei “Santapaola-Ercolano”: 31 arrestati

  • Reddito di cittadinanza e falsa disoccupazione: indagata la neomelodica Agata Arena

  • Incidente stradale a Piano Tavola, 4 morti: Procura apre inchiesta

  • Operazione "Black Lotus", alla sbarra 31 affiliati del clan Santapaola-Ercolano

Torna su
CataniaToday è in caricamento