Spacciatori di crack e coca scappano dai carabinieri: "Ci su i vaddia!"

Lanciando un urlo in tipico dialetto catanese, una vedetta ha allertato i complici che si sono messi in fuga

I carabinieri di Piazza Dante hanno arrestato i catanesi Santo Musumeci, Sebastiano Scalia e Marco Aiello per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. Si erano piazzati all’angolo tra le vie Pozzo Mulino e Croce e, con ruoli ben definiti, accoglievano i loro clienti. I militari del nucleo operativo hanno deciso di intervenire e sono stati avvistati da una vedetta che, lanciando un urlo in tipico dialetto catanese "i vàddia, i vàddia!" (le guardie), ha allertato i complici che si sono messi in fuga.

Bloccati i tre soggetti, i carabinieri si sono impegnati nella ricerca di una custodia per occhiali, contenente all’interno circa 50 grammi di cocaina e 40 grammi di crack. La droga è stata sequestrata, mentre gli arrestati, in attesa della direttissima, sono stati relegati agli arresti domiciliari.

Potrebbe interessarti

  • Piazza Duomo, uomo salvato dai soccorritori della Misericordia: "Grazie ragazzi"

  • Sindrome del colon irritabile: i cibi da evitare

  • Smartphone, occhio al virus FinSpy

  • Come costruire un barbecue fai-da-te

I più letti della settimana

  • Bruno Barbieri a Catania per la penultima tappa di 4 Hotel: ecco gli sfidanti

  • Ritrovato lo studente Peppe Cannata, si trovava a Modica

  • Chiedono il "cavallo di ritorno", ma i falchi li arrestano a Picanello

  • Sezione "catturandi", eseguiti 9 ordini di carcerazione

  • Camion dei panini prende fuoco, i vigili del fuoco salvano le case vicine

  • Arrestato corriere della droga, nascondiglio "alla Diabolik" per la coca

Torna su
CataniaToday è in caricamento