Spacciatori di crack e coca scappano dai carabinieri: "Ci su i vaddia!"

Lanciando un urlo in tipico dialetto catanese, una vedetta ha allertato i complici che si sono messi in fuga

I carabinieri di Piazza Dante hanno arrestato i catanesi Santo Musumeci, Sebastiano Scalia e Marco Aiello per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. Si erano piazzati all’angolo tra le vie Pozzo Mulino e Croce e, con ruoli ben definiti, accoglievano i loro clienti. I militari del nucleo operativo hanno deciso di intervenire e sono stati avvistati da una vedetta che, lanciando un urlo in tipico dialetto catanese "i vàddia, i vàddia!" (le guardie), ha allertato i complici che si sono messi in fuga.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bloccati i tre soggetti, i carabinieri si sono impegnati nella ricerca di una custodia per occhiali, contenente all’interno circa 50 grammi di cocaina e 40 grammi di crack. La droga è stata sequestrata, mentre gli arrestati, in attesa della direttissima, sono stati relegati agli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scattano le prime multe da 400 euro per mancanza di mascherina

  • Falsi invalidi, il sistema architettato da 6 medici: 21 indagati

  • Coronavirus, anche oggi nessun decesso: a Catania zero nuovi contagi

  • Ikea, nuovi orari di apertura per lo store di Catania

  • Pensioni d’invalidità con la compiacenza di medici dell’Asp: sei misure cautelari

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento